username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurelio Zucchi

in archivio dal 08 gen 2019

07 febbraio 1951, Reggio Calabria - Italia

segni particolari:
Amo definirmi uno "scrivente".
Priorità assoluta è il mare, poi viene tutto il resto.

29 gennaio 2021 alle ore 20:57

E preme intanto la notte maligna

 
Il cerchio troppo chiaro della luna
disordine mi arreca questa sera.
Vorrei proprio non essere distratto.
 
Raccolgo in un logoro canestro
avanzi di sogni per me troppo grandi.
Sarei placato se ci riuscissi.
 
Scompongo azzurri da disintegrare,
colori surclassati dal tempo ferrigno.
Darei la vita per nascere di nuovo.
 
Si stava bene nella vecchia barca,
sull’altalena dell’incredulità.
Avrei dovuto crederci di più.
 
E preme intanto la notte maligna.
Si vanta, la folle, d’avermi recluso.
Ma guardo su, per mia fortuna,
 
e rivaluto cocciuti bagliori.
 
 
 
 
 
 
*
Data di stesura 28 Maggio 2013
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento