username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurelio Zucchi

in archivio dal 08 gen 2019

07 febbraio 1951, Reggio Calabria - Italia

segni particolari:
Amo definirmi uno "scrivente".
Priorità assoluta è il mare, poi viene tutto il resto.

01 maggio alle ore 20:59

Ed ansie colorai d’intense ingenuità

Il tempo si fermò, non so per quanto,
e vidi stelle dai contorni netti
venirmi incontro e poi disporsi
in riva al mare, a semicerchio.
 
Non alba, non tramonto, solo luce
versata tutt’intorno a rischiarare
il microcosmo dove m’affannavo
ormai convinto di non respirare.
 
Guardai dentro me mentre l’onda
andava a mescolarsi in mezzo agli astri,
materia, acqua, miraggio in simbiosi
a ricordarmi il sogno e la realtà.
 
Tirai un gran sospiro di sollievo
ed ansie colorai d’intense ingenuità
inabissando i demoni accaniti 
in quell’azzurro offerto agli occhi.
 
 
 
 
 
*
Anno di stesura 2014
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento