username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurelio Zucchi

in archivio dal 08 gen 2019

07 febbraio 1951, Reggio Calabria - Italia

segni particolari:
Amo definirmi uno "scrivente".
Priorità assoluta è il mare, poi viene tutto il resto.

04 settembre alle ore 12:25

La carezza del mio giorno che muore

 
Quasi un segno per chiedermi perdono
d’avermi dato accumulo d’affanni,
la carezza del mio giorno che muore
mi consegna nelle mani del tramonto.
 
Sembra dirmi, mentre sfiora questa cute,
che la sera finalmente sta arrivando
tutta lesta a concedere alla notte
privilegio di vedermi tutto nudo.
 
La carezza del mio giorno che muore
lascia il passo a sua maestà il silenzio,
a quell’ora in cui mi libero del vento
e la seta della luna io indosso.
 
 
(Anno di stesura 2008)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento