username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurelio Zucchi

in archivio dal 08 gen 2019

07 febbraio 1951, Reggio Calabria - Italia

segni particolari:
Amo definirmi uno "scrivente".
Priorità assoluta è il mare, poi viene tutto il resto.

02 gennaio alle ore 12:35

MALINCONIE

 
 
La luce consistente della sera
rinvia la dolce mia malinconia
che come preda in vista della fiera
non vede l’ora di guadagnar la tana.
 
Quando quest’altra lunga notte
ore sottrarrà all’imperfetta vita
e l’ultimo respiro del liso giorno
rimbomberà nei silenzi della terra,
 
io mi ritroverò di nuovo detenuto
dentro un tempio resistente al tempo,
il cui sagrato dei venerabili ricordi
mi ostenterà quadranti ‘sì pregiati
 
da non dover mai esser calpestati
ma sol guardati dal limitar dei bordi,
ispezionati in ogni singolare punto 
per essere ammirati ad uno ad uno.
 
Sarà l’ora di nostalgie inamovibili
che del sonno non si cureranno,
che in sacro corteo avanzeranno
per reclamare un tuffo mio all’indietro.
 
Allora, poeta dovrò esser io
al solo scopo di sapermi raccontare
l’andata all’oggi e il ritorno a ieri.
Sì, poeta dovrò essere io…
 
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento