username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurelio Zucchi

in archivio dal 08 gen 2019

07 febbraio 1951, Reggio Calabria - Italia

segni particolari:
Amo definirmi uno "scrivente".
Priorità assoluta è il mare, poi viene tutto il resto.

08 gennaio alle ore 14:10

Place des Vosges

 
È forse l’aria degli inverni nuovi,
il giallo addosso al freddo asfalto
o anche il volo di colombe nere
che impedisce di cader nel sogno.
 
I passi nei portici disegnano
le strane orme d’un cammin veloce
e silenzioso a me riappare il cielo
arcano, non sol per colpa delle nubi.
 
Di quali suggestioni Victor Hugo
poté servirsi al sorgere del verso?
Romanticismo lungi da venire,
ne fu, in tal quadrato, pioniere?
 
In questo stesso spazio dove allora
tremavano gli amor come le foglie,
forse Calliope dettò poesia
e poi sparì lasciando fertile la scena.
 
Nel blu d’ardesia a colorare i tetti,
calcaree pietre e mattoni eterni
ancora insistono a trovar la forza
di dare il là ad un mai morto tempo.
 
Non muor nella mia anima il coraggio
di impiccare - di là da Place des Vosges -
novelli specchi e ansie a tutte l’ore
almeno fino al tocco del tramonto.
 
 
 
*
Anno di stesura  2009 
*
Per chi non conosce Parigi e dovesse o volesse un giorno andarci, consiglio vivamente di recarsi in questa stupenda, unica, meravigliosa piazza. E’ la prima cosa che vado a vedere quando ritorno a Parigi. Le atmosfere che la piazza emana sono irrinunciabili specie se si va a visitare la casa di Victor Hugo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento