Giovanni Falcone
  • Palermo, 20/05/1939
  • Capaci, 23/05/1992

Biografia

Le indagini portate avanti e il pool di magistrati da me creato, sull'esempio di quelli organizzati contro il terrorismo pochi anni prima, portarono a istruire il primo maxiprocesso contro la mafia, che vedeva imputate 475 persone.

Segni particolari

Sono stato ucciso dalla mafia nella strage di Capaci. Una carica di 500 chili di tritolo ha fatto saltare in aria l'auto blindata su cui viaggiamo io, mia moglie e la nostra scorta.

Mi trovi anche su

Aforismi di Giovanni Falcone

8 su 8

In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere.

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.

Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia; perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani(…)

Il coraggioso muore una volta, il codardo cento volte al giorno.

L'impegno dello Stato nella lotta alla criminalità organizzata è emotivo, episodico, fluttuante. Motivato solo dall'impressione suscitata da un dato crimine o dall'effetto che una particolare iniziativa governativa può suscitare sull'opinione(…)

Temo che la magistratura torni alla vecchia routine: i mafiosi che fanno il loro mestiere da un lato, i magistrati che fanno più o meno bene il loro dall'altro, e alla resa dei conti, palpabile, l'inefficienza dello Stato.

Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana.

Un'affermazione del genere mi costa molto, ma se le istituzioni continuano nella loro politica di miopia nei confronti della mafia, temo che la loro assoluta mancanza di prestigio nelle terre in cui prospera la criminalità organizzata non farà che(…)