username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Cesare Moceo

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Cesare Moceo

  • Ieri alle 20:33
    Lo splendore delle mie albe

    Nel mio giardino tutto adornato
    ti vedo al dì fior germogliato
    sei un giglio color purezza
    tutto lucente nel sol che t'accarezza
    E nel mio sguardo che a te s'inchina
    amor furente s'intarsia e t'avvicina
    del mio cuor pregno di pace
    sei divenuta rondine e aquila rapace
    Or io ti amo e per te io vivo
    e il tempo infame fo divenir giulivo
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti(e gli obbrobri)riservati

  • domenica alle ore 21:18
    Le visioni del cuore

    Nel turbine di fulmini e saette

    che tagliano all'orizzonte
    il cielo scuro di pioggia

    sono qui a rimirare il mare

    felicemente abbracciato
    alla mia stupenda solitudine

    e all'inutilità dei lidi

    ancora composti sulla spiaggia deserta
    e squadrati nel loro vuoto d'anime

    Ah!!! se il mondo fosse il piacere di un sogno...

    m'addormenterei in questo mio sguardo

    nel tempo che resta ormai
    al vivere che mi è stato concesso

    E non ho altro che questa luce
    e l'aria che respiro al suono di queste onde

    mentre lascio che la loro musica
    si sposi con le note soavi della mia anima
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • domenica alle ore 21:03
    Il nostro amarci

    Gloria di noi stessi

    del vivere dolce e sorridente
    nella nostra passionevole sensualità

    e del sentimento che ci distingue

    celebriamo l'eterna giovinezza
    in turgide virilità giornaliere

    approfittando del calore della passione

    alimentato con dedizione e costanza
    dal fuoco dell'amore in sogni e strusciamenti

    E esploriamo i nostri corpi

    nel profondo desiderio
    d'una intimità senza scadenza

    nel piacere di sapere

    quando la mente é libera dai pensieri

    che non c'è felicità più ebbra
    d'essere immersi ogn'ora nel nostro amarci
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • domenica alle ore 20:58
    La cultura non salverà la mia natura

    Datemi un deserto
    e lasciatemi là
    nella mia solitudine
    a godere della mia autostima
    E non m'interessano
    nè oggi nè domani
    i rimproveri
    per le mie iperboli comiche
    né i biasimi
    per il mio inchiostrare esagerato
    Io mi chiedo ogni giorno
    cosa posso farne
    del mio talento
    ...e penso che
    potrebbe andar bene
    anche per concimare
    i tanti terreni della retorica
    E penso pure che è inutile
    che cerchiate aghi
    nel mio pagliaio
    in essiotroverete
    solo il mio essere un uomo
    di questa umanità
    e...nient'altro
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:22
    La vita e vita

    Nell'arroganza del mondo
    di pensarmi arrogante
    non vado in giro
    a vantarmi d'esser poeta.
    E m'aiuta l'esser limpido
    nel mio comportamento rude
    che esclude il mio Essere
    dal dominio del visibile
    E ancora leggo l'uomo
    e ancora scrivo l'uomo
    nel sogno di una vita
    che non ho mai vissuto
    nella libertà di pensare
    nella libertà di comunicare
    E tu inspirami e tienimi fermo
    dentro il tuo cuore
    e fammi sentire accolto
    nel tuo Essere
    in quegli istanti in cui
    la violenza del mondo
    sembra sospesa
    e permettimi nei tuoi sospiri
    di superare soggezioni e umiliazioni
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:07
    Interiori sensazioni...parlano

    Mosaici di onde

    dove ciascuna goccia
    col suo suono melodioso

    incanta il mio cuore

    mi ricordano che ora godo
    di lunghe ore di libertà

    quasi scandalosa agli occhi dei più

    a riprendermi un po' alla volta
    tutto il tempo trascorso

    incatenato all'onore
    e alla dignità di marito e padre

    E passeggio per le vie

    da uomo semplice
    magari avaro d'ingegno

    acuto e pungente
    per come son sempre stato

    godendo solo
    di ciò che m'è rimasto dentro

    nel tempo che mi resta
    e che mi porta via

    passioni ricordi e tanta nostalgia

    E tu viandante

    quando ritornerai per questa via

    ricorderai ai giovani
    la tua giovinezza

    e racconterai ancora di me
    e di ciò che fui
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati
     

  • venerdì alle ore 21:57
    Le tempeste dell'anima

    M'incontro spesso
    con la mia anima

    per capire quanto
    possono essere
    ancora importanti

    le mie emozioni

    quando scoramenti
    mitizzati in disaffezioni

    m'invitano a dismettere
    gli ardori che s'accendono
    per conquiste ottenute a denti stretti

    E mi amo sempre di più

    per poter leggere
    tra le righe dei miei tormenti

    insidiosi e drammatici

    e saperne comprendere
    giocando con l'ironia
    i significati nascosti 

    E rimanere entusiasta
    e a bocca aperta

    nel capire da dove arriva
    il vento che trasporta
    la mia tempesta
    .
    Cesare Moceo
    Tutti i diritti riservati
     

  • venerdì alle ore 21:04
    Al tempo dei lager

    Elegie guerresche
    si muovono silenziose
    in cuori di pietra
    animando in toni mesti
    sentenziosi eroismi
    e cantandone le passioni malate
    evocando dolori e crudeltà
    ferocemente schernite
    E in questo spirito d'insofferenze
    che il popolo plaude
    piangono innocenze e candori
    di giovani vite
    trucidate nella malvagità
    di suoni confusi e intenti indistinti
    E mi sembra che siamo
    ancora nel tempo dei lager
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • venerdì alle ore 21:03
    Il mio pianto

    Passeggio nell'anima piano e a passo d'arte

    indulgente con gli avvoltoi che a turno svolazzano
    lungo il percorso di passioni e d'impressioni

    che come dense nebbie avvolgono il mio andare

    nel piacevole stupore interiore

    d'incontrare suggestive icone
    stampate in mille incantesimi di carta

    semi germogliati della mia necessaria follia

    dentro la quale si nasconde il meglio d'ogni mio pensiero

    E conservo il tutto in scaffali d'alta quota

    ben allineati al centro del mio mondo

    testimone silenzioso della mia fragilità e del mio pianto

    dinanzi alle tragedie della vita
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • giovedì alle ore 20:55
    Obiettività perdute

    Smodate avidità
    indeboliscono l'anima
    in cospirazioni moralmente guaste
    Falsi alfieri di nobiltà
    decrepite e degenerate
    arricchiscono l'aria
    di parsimonie svigorite
    portando scompigli
    alle menti incamminate già
    sulle strade dei delitti
    a farle divenire ormai
    fruttuosi alberi
    di corruzione e pessimi costumi
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • giovedì alle ore 20:52
    E scrivo

    Lapidari pensieri

    che appartengono all'anima mia

    e ai quali solo Io
    Cesare di me assoluto

    posso provvedere e descriverli

    m'invadono
    nel potere d'esprimere la mia mente

    cercando in me stesso

    tutta l'imparzialità
    nelle sentenze del mio condannarmi

    E mando continuamente

    ambasciate d'emozioni pregne d'entusiasmi
    al cuore

    a trattare condizioni di resa
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • giovedì alle ore 20:50
    Tra le nebbie della mente

    Tra le nebbie della mente

    Stimmate di sconfitte
    abbelliscono l'andatura
    durante le cavalcate che faccio
    insieme col mio cuore
    nel piacere che esso prova
    a scorrazzare per le praterie
    della nostra indissolubile solitudine
    E calpestiamo assieme
    il morbido magma composito
    dell'ansia di vetusta'
    non ancora solidificato
    dai rimpianti e dalla nostalgia
    e reso ancor più molliccio
    dai dubbi e dal senso d'impotenza
    che ci assale per inasprite violenze
    che fanno di noi colpevoli vittime
    E rimaniamo tutt' e due ancora soli
    dentro la nostra favola
    sperando che finisca presto
    ad ascoltare la bella musica del silenzio
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • mercoledì alle ore 21:27
    Memorie indistinte

    Che ne sai Tu
    di pensieri diventati
    ragioni di vita
    in cui metto
    tutto il mio vigore
    a scriverli
    per sentirmi vivo
    Passo i giorni
    sdraiato su me stesso
    costretto dall'anima
    a regalare emozioni
    e generosità di passioni
    E non so
    e non voglio saperlo
    se arrivano a destinazione
    m'interessa solo
    donare i miei princìpi
    a chi come me
    interessa la vita
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

     

  • mercoledì alle ore 20:38
    E' l'alba

    È l'ora in cui
    in raggi del sole nascente
    diffondono
    il loro tenue calore al mondo
    e felici si diradano
    in dono agli uomini
    a lenirne i brividi
    ardenti d'ira
    nel giorno che viene
    Fortunato chi riuscirà
    a scacciare dal suo cuore
    i malvagi sentimenti
    e l'odio feroce
    che gli alita attorno
    a Lui
    si scaldino l'anima e le passioni
    e gli rendano piena la vita
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • mercoledì alle ore 20:36
    Giorni diversi

    Entusiastici desideri
    mi prendono nel loro grembo
    in questi giorni rinfrescati
    dagli abbracci del mio maestrale
    facendomi venir voglie
    d'amori e passioni
    E già mi ergo
    nel mio stelo
    a rinchiudermi
    nei caldi istinti del vivere
    intima sorgente del mio Essere
    a far sbocciar i dolci frutti del piacere
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • martedì alle ore 21:28
    Ti aspettiamo Pietro

    Nel silenzio delle notti
    con lo sguardo perso nel vuoto,
    la mente si dilata...
    fino a ricordar affetti e passato
    a riveder luoghi d'infanzia
    ormai lontani,
    rivivere situzioni accadute
    che ancora oggi
    generano
    allegria e felicità.
    E allora quel silenzio,
    con le sue urla assordanti,
    ci riporta al presente
    fatto di sentimenti e d'amore,
    colonna portante
    d'ogni esistenza,
    a trovar rifugio
    nella pace interiore,
    divenendo la catarsi
    che aiuta a ritrovare
    l'equilibrio
    e riaccende la speranza.
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • martedì alle ore 21:14
    Amarti



    dove il tuo divino golfo
    volge a levante

    siedo ogni dì

    a cullarmi ancora
    nel tuo grembo

    mentre in me vive
    il tuo alito immortale

    Cefalù

    io canto le tue pietre
    e il tuo mare

    e la dignità che t'appartiene

    Fino a che l'onda
    struscera' la tua riva

    e il sole ne scaldera'
    la sua cresta

    fino a che il mare
    pascera' i tuoi figli

    e il suo amore
    ne avvolgera' le menti

    sempre rimarranno eternI

    il tuo nome le lodi e gli onori
    che il mondo ti deve
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • martedì alle ore 21:13
    Notte calabrese

    Fermo insonne

    a scrutare la luna in cielo

    m'accorgo all'improvviso
    di certe mie espressioni meditative

    a farmi sentir felicemente abbandonato
    alla mia solitudine

    scavata e levigata
    da lacrime di tristezza e di reliquie

    E guardo perso
    tra le nuvole che scorrono lente lassù

    a rendere inutili i silenzi
    e invadermi di pensieri e nostalgie
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • martedì alle ore 21:11
    Quello che sento

    La mia passione

    a cui sarà riservato
    il miglior angolo di cielo

    baluardi di pensieri

    ormai morenti

    eretti alla memoria

    a godere di ricordo eterno

    nella virtù
    di trasmettere ai posteri la mia felicità

    a divenire recondite
    e intime sorgenti di storia

    nella quiete dei cuori innamorati

    nella loro gloria
    e anche nelle umiliazioni
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • martedì alle ore 21:09
    I misteri della natura

    Venti di maestrale
    soffiano forti
    scuotendo di brutto
    il tronco degli alberi
    appassiti dal caldo
    dell'estate appena scorsa
    Si dimenano i rami
    lasciando cadere dal loro fusto
    squassato dall'impeto
    foglie e fronde
    che trasportate nell'aria
    mandano messaggi d'affanni
    ai cuori che battono
    E la mente percossa
    rimane a riflettere invano
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati
     

  • 17 settembre alle ore 21:50
    Appartenere al branco

    Conoscersi a fondo nei pensieri
    senza capacità di giudicarsi

    e sentire addosso sensi d'onnipotenza

    che esaltano interiori
    incoscienze di responsabilità

    celate in sofferenze dell'anima
    a lungo represse

    da non saper più
    quale strada intraprendere

    E favorire così l'impercezione
    degli atti impuri che si commettono

    generando ambizioni distruttive

    che aderiscono perfettamente
    alle dinamiche criminali che la mente sviluppa

    nel sentirsi attratta dai magnetismi della vita

    E nel tempo pagarne le conseguenze

    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati
     

  • 17 settembre alle ore 21:48
    Farfalle da prendere con desterzza

    Contrazioni spasmodiche
    insultano pensieri
    robusti e inflessibili
    caratterizzati da emozioni
    invase da passioni
    che non riescono a svecchiare
    nello scorrere dei giorni
    Mal di pancia stagnanti
    che la siccità dei cuori ingiallisce
    e che si donano e si trapiantano
    in menti sedute da tempo
    alle fermate della vita
    .
    Cesare Moceo @

  • 17 settembre alle ore 21:46
    Odio senza parole

    Pensieri

    a neutralizzarsi tra loro

    mentre ghigliottine avanzano
    a tempo indeterminato nel Nulla

    somiglianti a soluzioni immediate

    E là

    le attende la cattiveria di certi uomini

    solisti che non sbagliano alcuna nota

    comandanti di plotoni d'insetti
    ibernati in sottili strati di promesse

    confinate in grossi fiori
    cresciuti in falsi giardini dell"Eden
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • 17 settembre alle ore 21:45
    Grazie a tutti

    Grazie a tutti

    Illustri compagni di viaggio
    nel bel mezzo del vivere
    hanno portato scompiglio e saggezza
    al mio sentirmi
    albero dai rami pendenti
    Ed ero quasi
    come un salice piangente
    a condurre la vita sbattuto
    da venti impetuosi di tormenti
    che chiedevano oneri
    in contropartita agli onori
    e cantavano forte in coro
    con le incudini su cui ho forgiato
    i miei giorni e le mie passioni
    Ora sento solo
    piacevoli rumori dell'anima
    misti a voci di poesia
    in una musicalità e espressioni
    che fan divenire lauti pranzi
    le più piccole briciole di vita
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati

  • 17 settembre alle ore 21:41
    Intrecci d'assoluzioni

    Permeato vivere
    di pianti e incoscienze
    ove consunte ore
    nel mio disaccordo
    sciupano vite attaccaticcie
    dilapidate da emozioni
    opposte a ogni poetare
    infiorescenze incancrenite della mente
    diseredate nella fragranza
    dai versi che l'anima esprime
    in certi momenti del suo Essere
    nell'ammucchiare ansie
    e dolenti fardelli
    in cataste di timori e tormenti
    e farle esplodere
    in agghiaccianti disumanità
    .
    Cesare Moceo @
    Tutti i diritti riservati