username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

02 maggio alle ore 21:13

E adesso dicono... perché nessuno ha sentito?

Attingo

dai libri d'un mio amico
di qualche secolo fa

l'insegnamento bellissimo
d'amare la vita

in cui non fosse spettacolo

né il dolore della miseria
né l'invidia della ricchezza

E così

nell'anima del fanciullo
che vive ancora in me

sopporto sentimenti

che s'aggrappano dolorosamente
ai tormenti quotidiani

lezioni dure ma vitali

a farmi comprendere
gli insegnamenti necessari

per viver ogni esperienza
dentro aloni d'euforie

e farmi divenire
eroe del mio tempo

anche se avvolto

nelle candide nebbie
delle false illusioni

E in questo finto entusiasmo

arrivano crisi esistenziali
a ingannare le menti più deboli

nel disprezzo
di tutto ciò che è arte

Là resto invischiato
con demagoghi poco intelligenti

che convogliano
alla propria convenienza

sbandati d'ogni ceto

e in quella spietata realtà
uccidono qualsiasi talento.

E non mi resta altro
che ringraziare questa disumanità

perché nella mia solitudine

la sua demagogia

diventa povertà da ricordare
quanto meno per non annoiarmi
. © ®
Cesare Moceo
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento