username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

17 novembre 2019 alle ore 11:22

Insipidi sospiri

Dietro i vetri imperlati di pioggia il mio guardo indolente contempla d'intensa indifferenza queste ore blande come se un'atmosfera d'insulsa tranquillità dall'aria umida di leggere gocce permeata di vivaci brezze regalasse quasi un'apatia che avvolge gli occhi miseri di colori Mi nutro di lettura e d'inchiostro e di piacevoli viaggi dentro la nostalgia di quel vedere attimi privilegiati del mio vivere con cui intrattengo rapporti di morbositá nell'intimitá ammalata di fantasia succedania compagna dei miei giorni che accarezza le guance slle afflizioni e mi parla in tutta la sua trasparenza E leggo e scrivo per divenire amico della mia anima per viver di suggestioni e meditare e gridare ai quattro venti il mio sentir felice attorniato dalla pelle mentre gli occhi ripetono sguardi sfuggenti al piacere della mia golositá E vivo per me vittima di me stesso . Cesare Moceo poeta destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento