username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

01 novembre 2019 alle ore 12:32

Le stanze dell'anima

È già sceso il buio che annuncia la notte; licenzio i miei pensieri,nell'intento di riposare le mie stanche membra spossate dal pensare e dallo scrivere, oppresso da questo clima sfavorevole dell'odio dell'uomo,germogliato nei giardini della libertà e anche in quelli della tirannide.E mi ritiro eremita,nelle stanze pure della mia anima,dove m'appresto a contemplare i miei sogni,che son la parte più splendida del mio firmamento e dureranno in me per tutto il mio vivere.Sogni proibiti,passati in compagnia di mesti momenti eternamente vestiti d'avviliti misteri,nel mio istinto intriso di profonde amarezze.Là,dove gli angeli piangono dolorose lacrime a bagnare il destino di iracondi uomini,contro il tempo che inesorabile scorre a frantumare i ricordi, nella libertà oltraggiata con la dignità negata, labbra chiuse si parlano addosso nell'unica luce ancorchè fioca,che apre il cuore ai nuovi orizzonti.Cerco Te,o Speranza,per risanare quelle cicatrici,a Te attingo limpide acque,a riscattare la coscienza sospesa in quei vuoti Tu,che mi scaldi con la Tua umile fiamma, T'aspetterò ancora paziente nelle magie di altre notti. . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento