username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

16 aprile 2019 alle ore 20:42

Nella pelle che abitiamo

E viene per tutti il tempo

che il corpo cambia la pelle in cui abitiamo
e si distende e s’assopisce

con la mente rimasta sola
a ricordarci ancora la nostra identità

E ci ritroviamo tutti
al tempo della nostra prima infanzia

nell’età che dà i segnali
del cedimento della voglia di vivere

mentre la mente rimasta ancora vigile
viene invasa da puerili leggerezze

fanatismi che provocano
la paralisi dei sentimenti

e persistono il giusto tempo

affinché questi sconvolgimenti
ottenebrino morbosamente la ragione

obbligandola nell'inutilità di se stessa
a ritornar bambina

E tutto così diventa più bello e intrigante
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento