username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

23 ottobre alle ore 13:27

Oscurità

E restiamo così, invecchiati nel male, dove la finta bellezza seduce e le false passioni pervertono. Noi, tutti ormai operai fraudolenti, a piangere secche lacrime d'amore e di viltà, a donare al mondo ingiuste sentenze, che opprimono l'innocenza e assolvono la malvagità. E verrà quel giorno, quando d'un balzo c'addentreremo tra le tenebre a soffrir sventure e carcerieri, finché la fiaccola celeste, luce della sapienza sempre accesa, risplendera' ancora. Noi, ormai indifesi d'orgoglio e delle giuste volontà, rassegnati a godere soltanto d'apparenza e d'intima povertà. . Cesare Moceo vecchio ragazzo del 53 Poeta di Cefalù destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento