username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

24 ottobre 2019 alle ore 13:55

Rose belle con petali informi

Vedo uomini sull'orlo dell'abisso che sorridono a se stessi per addolcire gl'intenti e indurre la mente a non considerarli il fallimento più bruciante della loro vita E vivono celando gli spettri dei loro pensieri intriganti anche nella freddezza di una finta emotivita' consapevoli il più delle volte di rimanere in bilico tra l'intelligenza e la stupidità tutti presi dalla paura d'essere inghiottiti dai loro stessi tormenti Farfalle frantumate nel petto trafitte da sacrifici imperfetti livree di cerimonie in magna pompa che accompagnano l'andare a dare impronte d'una grande casata Atteggiamenti a vestire l'aspetto di vere piume nere nel carezzare i gesti e ravvolti in spire di disarmoniche ascensioni fruscii d'anime attratte da morbose voluttà allegorate di vittimismo rose belle con petali di nulla talvolta perfide spine di dolore del destino con un profumo fine e triste a infettare l'intimità di nuove miserie E Io che sogno ancora di risvegliarmi avendo innanzi agli occhi...la pace . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento