username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

20 novembre 2019 alle ore 8:57

Scende la sera, a lungomare

Il tramonto fascia l'orizzonte d'un caldo abbraccio, mentre i gabbiani danzano, raffigurando armoniosi balletti con magiche evoluzioni, nel cielo rosseggiante dei raggi del sole che pigramente scompare al di là del mare. In lontananza, barche di pescatori al ritorno, navigano con scia quieta adagiandosi sulle onde placide del mare inerme. Uno spicchio di luna fa capolino nella penombra della sera, a dare fresche ispirazioni ai cantori della notte e stelle lucenti rischiarano vergini sogni agli innamorati. Seduto sui gradini di questa scalinata, lo sguardo perso oltre l'infinito, m'immergo in quest'affascinante atmosfera parlandomi dentro, ma la mia voce rimane solo una tediosa eco dei miei mille pensieri. Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento