username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Racconti di Cristina Tagliente

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Cristina Tagliente

  • 21 luglio 2019 alle ore 15:47
    La perla di Nettuno

    Come comincia: La scogliera era alta quasi 20 metri,di li a finito tutto.Non c'era più posto per lei in quel Mondo, che da tanto tempo ormai non le apparteneva più.Paolo dopo 10 anni di fidanzamento aveva sposato un' altra ed insieme a lei tutti i progetti fatti insieme, ad Ambra ormai non restava più nulla.Il salto fu breve;mentre sentiva l'acqua invaderle i capelli,delle mani forti l'afferrarono per la vita,riportandola sulla terra ferma . Non appena riuscì ad aprire gli occhi si trovò dinanzi un uomo :era alto con la barba incolta,pelle abbronzata ,con una muscolatura da fare invidia al più celebre palestrato, col suo sguardo penetrante la guardò e disse:<>Ella lo guardò e pensõ Questo strano signore doveva essere un veggente, oppure qualche abitante del luogo.Quel posto non era stato scelto a caso,ella lo aveva scorto per caso, in uno dei tanti servizi fotografici per la rivista per cui lavorava.Tante volte quel mare incantato aveva fatto da sfondo per le foto delle sue modelle.L'aggenzia pubblicitaria dove prestava servizio da tempo, l'aveva mandata in Grecia insieme alla troupe per effettuare un servizio su una linea di costumi.In quei momenti tra una foto è laltra, pensò che il suo ultimo viaggio dovesse finire lì tra le onde di quel mare cristallino, dove le alte scogliere che sembravano giganti di marmo,ne sarebbero state testimoni. Ambra si alzò in piedi e gli si avvicinò per ringraziarlo ,il suo odore era sensuale e travolgente che ad un tratto guardò il suo Salvatore nei suoi splendidi occhi azzurri e in me che non si dica di ritrovò con le labbra attaccate alle sue.Non aveva mai baciato uno sconosciuto non sapeva neanche quanti anni avesse,forse 50,di una cosa era certa che una creatura più affascinante non l'aveva mai incontrata.Ad un certo punto cadde in un sonno profondo.Erano circa le 18 quando si risvegliò,la spiaggia era deserta a farle compagnia c'erano solo alcune turiste che passeggiavano, ed il rumore del mare.L'indomani mattina era nel suo ufficio pronta per effettuare un sopralluogo per la rivista per cui lavorava,parlando con una sua collega gli raccontò di quanto accaduto.La donna la guardò alquanto attonita e le disse che il posto in cui era stata veniva chiamato la perla di Nettuno, e che il dio del mare non permetteva a nessuno di invadere la sua quiete ,e che ogni creatura che avesse tentato di disturbarlo l'avrebbe cacciata dal suo territorio.Nettuno teneva lontano le donne per paura dì innamorarsene è se una di esse lo avesse stregato ogni notte ella avrebbe sentito il fruscio del mare. Ambra ebbe la promozione che tanto aspettava,la sua carriera prese il volo, cancellò totalmente Paolo dalla sua vita, solo una cosa non cancellò,il ricordo di quel bacio meraviglioso con lo sconosciuto incontrato sulla spiaggia .Non ci ritornò più in quel luogo incantato,ma ogni notte il fruscio del mare tornava a farle visita.