username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emanuela Lazzaro

in archivio dal 09 dic 2005

15 ottobre 1978, Pordenone - Italia

segni particolari:
cinema horror - gotico, muto ma d'autore, scrivo di solito dopo mezzanotte.

mi descrivo così:
Aspirante scrittore, polemico ma legale. Amo scrivere di tutto ciò che vedo, sento, tocco poichè intorno a noi ci sono parole, suoni, versi, racconti. Sono single per passione ma potrei cambiare idea,.... anzi no, meglio soli che male accompagnati!!

12 dicembre 2005

Canto del viandante

Io sono e sarò qui,

ovunque in te, canto

d’ogni tuo attimo,

all’alba e al tramonto,

d’un viandante eterno,

che la Moira accarezza,

inciampando tra sogni

che celano ed alzano

stelle nella nebbia.

Tra le lacrime, un anelito:

attendo il mio giorno,

col cuore all’inferno,

per odio e per amore,

ricordare una voce

ed udire un fremito

che ghermisce pace agli occhi.

Ma se tu vuoi, parla ora

e l’ombra di me morrà,

giacché oggi non c’è un cielo

per confondere un po’ due anime,

siamo vicini ed orbi,

tra sazi fantasmi

che perdono il presente,

in cerca d un colore

che hanno dimenticato. 


RIT:  I sing a song

for my Little Smiling Word,

I sing a song

for a Feeling at the dawn,

I sing of emotions the Breath,

for You, my World of Words.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento