username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 21 nov 2012

Emilio Basta

28 giugno 1945, Venosa (PZ) - Italia
Mi descrivo così: Sono un sensibile sognatore, amante di tutta la poesia di autori emergenti.

elementi per pagina
elementi per pagina
  • venerdì alle ore 19:12
    SS. Immacolata

     
     
     
    Nella campagna
    Regna il silenzio
    E nella quiete
    Immagino tutto
     
    Rincorro i misteri
    Inseguo il Divino
    E la Tua esistenza
    Dal tempo fuggito
     
    Quel profumo di viole
    Mi accompagna ovunque
    E quelle parole mai dette
    Suscitano speranze di vita
     
    I Tuoi forti messaggi
    Nutrono la ricerca
    E rafforzano l'anima
    A coloro che pregano.
     
     

     
  • giovedì alle ore 13:44
    Amori Divini

     
    Fra verdi chiome
    Non filtrano raggi di luce
    Dal vulcanico cuore
    Zampillano sentimenti puri
    Come lapilli infuocati
    Fiumi vermigli
    Si trascinano lenti
    Per nutrire
    Amori vestiti di gioventù.

     
  • giovedì alle ore 13:42
    La Mia Verità

    La calda estate
    È giunta al termine
    Nonostante tutto
    La natura ha sete
    Di certezze e di verità
    In questa arida vita
    L’avidità di scrivere
    Si disseta alla sorgente
    Della voglia di vivere
    Ho deciso che da domani
    Non scriverò più poesie
    Oggi è un nuovo giorno
    Il tempo cupo ed incerto
    Invita alla riflessione
    Rinasce la voglia
    Ma non so cosa scrivere
    Penso e ripenso
    Cercando l’ispirazione
    Che tarda ad arrivare
    La mente è predisposta
    Uccide l’effimero.
     
    È un invito alla riflessione.

     
  • giovedì alle ore 13:38
    L'Esistere

     
    Quanta pazienza
    Quanta saggezza
    Quanta ribellione
    Lontano dalle certezze.
     
    " I giorni volano…"
     
    La vita corre veloce
    Ribelle e vagabonda
    Tra errori e tormenti
    Dentro… e nell'Ignoto.
     
    " Gli anni scappano frettolosi…"
     
    Domande… Risposte
    Conviene perdersi per ritrovarsi
    Comunque vadano le cose
    Ci rimane quello che avevamo.
     
    La speranza e l'Amore di Dio.
     
    La Neve si scioglie sempre
    Il Sole sorge sempre
    Le Stelle brillano sempre
    La Luna ci fa sognare sempre.
     
    La giustizia Divina paga sempre
    Prima o poi arriva.

     
  • martedì alle ore 13:56
    Dubbi

    Se vivrò, saprò
    Se saprò, morirò
    oppure no
    Sarà morte vera
    Sarà morte presunta
    oppure no
    Sarà morte comunque
    perché l’anima non vivrà
    oppure no.

     
  • 16 ottobre alle ore 17:49
    Interrogativo

     
    Io ero
    Io
    Ora sono
    Io.
     
    Lei era
    Lei
    Ora è
    Lei.
     
    Gli altri
    Erano gli altri
    Sono gli altri.

     
  • 15 ottobre alle ore 19:19
    Ricordo

     
     
    Ricordo:
     
    Un tempo remoto
    Nella grotta segreta
    Nascosta tra i melagrani.
     
    Ricordo:
     
    Un paziente ascolto
    Con il pianto nel cuore…
    L’ inizio di un lento percorso.
     
    Ricordo:
     
    Lunghe preghiere
    Per un amore spuntato
    Avvolgente e coinvolgente.
     
    Ricordo:
     
    Una freschezza inebriante
    Di vivere allegre emozioni
    Di estasianti promesse. 

     
  • 12 ottobre alle ore 19:14
    Dialogo Perpetuo (RIVISITATA)

    Mia cara madre
    Continuo a sentire
    La vostra dolce voce
    Che mi guida e mi consola
     
    Tutte le sere prego per Voi
    Anche se io ho bisogno di Voi
    È iniziato così il nostro dialogo
    Voi mi parlate delle gioie Celesti
    Ed io vi racconto le pene terrene
     
    Mi seguite in tutto e per tutto
    Conoscete tutto della mia vita
    Io Vi chiederò i Vostri consigli
    Le risposte saranno segnali sicuri
    Oppure certezze da interpretare
     
    Saranno gli Angeli
    Con i loro sapienza
    A rivelarmi la Vostra
    Approvazione o meno
    Circa le scelte da seguire.

     
  • 10 ottobre alle ore 20:03
    Il Mio Respiro

     
    Nelle notti senza luci
    Nel buio della selva
    I venti si mischiano
     
    Tra il fruscio delle foglie
    La fiumara rumoreggia
    Sulla fauna vagabonda
     
    All’alba l’aria si calma
    Il sole riscalda il mattino
    Mentre l’aria si rasserena
     
    Tra i profumi della buonora
    Un fascio di luce splendente
    Si proietta alla ricerca di lei
     
    Dal cuore pazzo, pazzo
    In un giorno che non c’è
    Nel mio respiro solo Lei

     
  • 10 ottobre alle ore 19:56
    Cicca Su Di Una Stella

    Una montagna
    Con un monastero
    Dal religioso silenzio
     
    La sola sorgente
    Della cascata
    Sussurra il disgelo
     
    Dopo il caldo
    Profumato di rose
    L’autunno dorato
     
    Clicca su di una stella
    Il cielo muta colore
    Ritorna la neve

     
  • 08 ottobre alle ore 18:40
    La Sirenetta

     
    Raggio di luna
    Silente e trasparente
    Effusione vulcanica
    Di un respiro profondo
    D'emozione riflessa
    Dal fondale marino.
     
    Bollicine dipinte
    Nel tempo immortale
    Di un sogno vagante
    Nel firmamento stellato.
     
    I pensieri si chiedono?
     
    Esiste o non esiste
    La solitaria sirena
    Dai sentimenti volubili
    Spettrali nell'anima.
     
    Un miraggio d'amore
    Nel deserto dell'esistenza.

     
  • 07 ottobre alle ore 13:04
    I Nostri Legami

     
    La montagna
    La mia montagna
    Vive con un’anima
    Con uno spirito
    Mormora
    Tuona
    Dorme
    Sogna.
    Si veste
    Si spogli
    Muta colori.
    Il fiume
    Il mio fiume
    La mia vita
    La sua vita.
    La cascata
    La mia cascata
    La sua musica
    La mia musica.
    Il laghetto
    Il mio laghetto
    La sua barca
    La mia barca
    Rema
    Viaggia
    I miei viaggi
    I suoi viaggi,
    I nostri viaggi
    I nostri sogni.
    La mia vita
    Il mio passato
    Il mio presente
    Il mio futuro
    Sotto un cielo mutevole.

     
  • 05 ottobre alle ore 19:11
    La Solitudine

    Solitario
    Lungo un sentiero
    Che porta nel nulla
    Con passi stanchi
    Respiro suoni e pensieri
    Che urtano fra di loro…
    Come nuvole nel cielo.
    Stanco e sudato arranco
    Sotto un sole tropicale
    Attraverso piane e valli
    E ruscelli di campagna
    In piacevole compagnia
    Della mia sola ombra.
    Passo dopo passo m'inchino
    Ai piedi di un tramonto
    Per pregare il Buon Dio
    Che mi dona pace e serenità.
    Il buio oscura la mia ombra
    Accende in me una nuova luce
    E nel nuovo giorno che nasce
    Rinasce anche la speranza
    Che alimenta il nuovo futuro
    Della vita che mi circonda.

     
  • 05 ottobre alle ore 19:08
    La Nostra Solitudine

     
    Si nasce da soli
    E si vive in compagnia.
    Emozioni…
    Sentimenti…
    L'aurora…
    Il tramonto…
    Il mare…
    Le stelle…
    La conciliano tanto.
    Non è sempre dannosa
    Apre il cuore alla meditazione.
    La si fugge…
    La si cerca…
    Dona gioia…
    Regala certezze…
    Lei è buona compagna…
    É maestra di vita.

     
  • 03 ottobre alle ore 21:18
    Vita Mia

     
    Dio mio!
    Nessuno vive
    Per scelta
    Io vivo
    Per vivere
    Vorrei morire
    Per non invocare
    La morte
    Dio mio
    Perdonami.

     
  • 29 settembre alle ore 21:25
    Madonna Del Sole CORRETTA

     
    Il Sole Ti scalda
    La Luna Ti veste
    Le Stelle Ti colorano
     
    L'Amore Ti cerca
     
     
    Alba rossa perenne
    Adagiata nel tempo
    Nei colori dell'arcobaleno
    Di un tramonto vermiglio
     
     
    Il desiderio di venerarti
    È dentro di noi
     
    I cuori Ti accolgono.

     
  • 28 settembre alle ore 18:04
    Voci Delle Anime

     
    Voci senza suoni
    Sopra la collina
    Che al cospetto degli Astri
    Nutrono respiri di vento
     
    Ma spezzarmi il cuore
    Riemergono ricordi
    Fra scintille d’Infinito
    E immagini di Luce
     
    Mentre i giorni scorrono lenti
    Fra sussurri senza tempo
    Di un passato trascorso
    Nelle rughe della storia
     
    Nella freddezza dei sogni
    E in ogni evento della vita
    Esplodono i desideri delle anime
    E così nuove lodi nutrono l’Aldilà
     
    Mentre da quella porta oltre il buio
    Possiamo vedere gioire i nostri morti
    Palpitanti nella luce del Paradiso
    Aspettando chi gli ama più che in vita.

     
  • 25 settembre alle ore 19:26
    Ombre Tra Le Luci

     
    Penso e ripenso
    Ad un tempo passato
     
    Ricordo la quiete di allora
    E la voragine viva nel cuore
     
    Annego la mia malinconia
    Dentro la rotta del dolore.
     
    In questo angolo di vita
    Coltivo la mia solitudine
     
    Tace il rumore della folla
    Con altri cieli negli occhi
     
    Rispetto la vita di oggi
    Accetto il vivere altrui
     
    Ma rivoglio la calma smarrita
    E ricamare nuovi sorsi di luce. ***

     
  • 23 settembre alle ore 17:48
    Trentadue Dicembre

     
    Da una luna fredda
    Un filo di nebbia
    Disegna il primo cielo.
     
    Quando si dissolve
    Nell’aria della quiete
    Si erge l’armonia.
     
    Nella memoria spenta
    Indugia il pensiero
    Sui ricordi di un tempo.
     
    È il languore d’inverno
    L’orizzonte si fa nero
    Il mare si fa scuro.
     
    Non c’è più nulla:
     
    Rubato dalla neve
    Il mondo appare
    Di un solo colore.

     
  • 21 settembre alle ore 21:30
    Amore Qualunque

    Sotto un cielo
    Senza nuvole
    Muore
    Una lucciola
    Come
    La luna solitaria
    Tra fiori in lacrime.
    Il mio cuore riflette
    Sui pensieri
    Di un amore
    Senza radici.
    Sei tu?
    Sono io?
    Quello che varca
    La strada dell'iride?
    Canta!
    Canta!
    Una canzone!
    Farfalla solitaria.

     
  • 20 settembre alle ore 21:38
    La Sosta

     
    Un lungo giorno
    D'aprile si fa da parte
    Al quando esausto
    La pioggia è passata
    Gli uccelli fan festa
    Al calare della sera
     Il sole rientra
    Avendo scaldato
    Il giaciglio per la notte.
    La pioggia è cessata
    I pensieri e malinconia
    Mi riprendono per mano
    Nell'attesa uguale e precisa
    Che una nuvola superstite
    Si è fermata per ripartire
    E riprendere la sua corsa.
    Intanto io sono
    Ad aspettarti
    Al solito posto
    E tu dove sei.

     
  • 18 settembre alle ore 13:08
    Aspettando... (RIVISTA)

     
    Il mare dorme, si sveglia
    Si agita nei miei occhi
    La pioggia lo bacia
    Sfiora la riva
    La sua inquietudine è la mia.
    Poi s’arrabbia
    Sputa sugli scogli
    S’infrange, schizza
    Biancheggia, spumeggia
    Il mio sguardo si posa
    Sull’onda nuova.
    È un susseguirsi
    Di frizzanti frustate
    Che nebulizza
    salsedine e iod
    Giovando al petto.
    S’acquieta
    M’acquieta
    Vivo con lui.

     
  • 09 settembre alle ore 19:07
    L'Aglianico Di "Orazio"

    Vagabondo della notte sono io!
     
    Solitario me ne vado per le vie
    Deserte e silenziose
    Alla ricerca d'una compagnia
    Che scacci via la malinconia.
     
    Testardo io, quando lo capirò
    Quando scoprirò l'angolo dei sogni
    Allora insieme a voi griderò
    Miracolo, miracolo nella cantina
    Dall'uva è nato il vino
    W il vino, W il vino, W. W.
    È venuto sulla tavola
    A miracolo mostrare.
     
    Bianco rosso fa lo stesso
    Lui le ossa mette a posto
    E dell'anima rimane la sola medicina.
     
    Dalle botti alla bottiglia
    Nel bicchiere lui profuma
    E nella gola poi s'affossa.
     
    Lemme lemme, passo, passo
    L'allegria ti conquista
    Se bevuto in compagnia.
     
    Alle vene fa tanto bene
    Perché scorre così bene
    Da quasi tutti è desiderato
    Amato, collezionato
    E tanto consumato.
     
    Unanimemente battezzato
    Il gigante alla riscossa.

     
  • 09 settembre alle ore 18:26
    Notte Di Oggi

    All'uscita del mattino
    Alzando gli occhi al cielo
    Ho notato uno strano rosseggiare
    Su questo luogo dell'antico dolore.
     
    L'insolito vestito variopinto
    Incuriosisce la gente del paese
    E nei loro occhi profondi
    Si legge paura del tormento
     
    Uno smarrimento totale!
     
    Scende poi la sera
    E a poco a poco nell'attesa
    Si rattristano i pensieri
    Su questo inquieto paese
     
    A chi mai potrò raccontare
    Queste emozioni nella notte
    Pervase dal vento di scirocco
    Uggiosa e fuori dal normale
     
    Nel buio piove neve marrone
    Per suggestionare ogni mente
    Opprime visi e cuori palpitanti
    Bruciando ogni speranza futura
     
    In questa notte di oggi
    Con il passare delle ore
    Il timore si è fatto paura reale
    Nel pensare ai giorni futuri.

     
  • 07 settembre alle ore 18:44
    Caos Quotidiano

     
    Di Primo Mattino
    Cammino tra la nebbia
    E nebbia non v’è
     
    Vorrei fare molte cose
    Ma non so cosa fare
    Non mi rimane che
     
    Rimandare tutto
    O non fare nulla
    Il dilemma di sempre.

     
elementi per pagina
  • 12 aprile 2014 alle ore 9:50
    La Nuvola Capricciosa

    Come comincia: Dopo una notte invecchiata, sull’ uscio della porta della mia casa di campagna volevo salutare la prima luce, ma una nuvola randagia e dispettosa, si è permessa di velare il giovane sole, il quale cresciuto un pochetto l’ha dissolta con il suo calore.
    E così in questo giorno di calma estate mi sono goduto il tepore del fanciullo giorno.
    A sera avanzata ha fatto la stessa cosa con la luna, che indispettita ha chiesto aiuto ad Eolo il quale rabbiosamente l’ha spazzata via e, per lungo periodo mi ha fatto gioire fra la pace di tante aurore e molti tramonti.
     

     
  • 04 febbraio 2014 alle ore 16:50
    Storia Dell'Arca Di Nooel

    Come comincia: Dio c'è… L'Universo pure, non manca "LEI LA PIA DONNA", colei che sussurra al branco dei cavalli, colei che in un raro momento di anormale bontà, per opera e virtù dello Spirito Santo ha concepito e partorito " LA BANDA COLPISCIE FUGGI".
    Uno alla volta "LEI" INVITA A SALIRE TUTTI sull'ARCA DI NOEL che non può salpare per via del mare che ha prosciugato in una sola bevuta.
    Trasparente e innocente annota sul "BROGLIACCIO DI BORDO" i nomi dei signori "ARMIAMOCI E PARTITE", vale a dire:
     
    1- "LO ZIGRINATO", e il signor "TENENTE, BRIGADIERE COLOMBO" soprannominato "RAVANELLI, L'INDIANO PENNA BIANCA", e li colloca, non avendo la magia di farli sparire, nella stiva di bordo per non vederli.
     
    2- Dopo chiama "IL MARESCIALLO O TENENTE ALBERTONE IL SIMPATICONE" specialista in evasioni a ripetizioni.
    Albertone il brigadiere dei sogni per non perdere lo scettro di imperatore chiama subito al suo fianco…
     
    3- "IL SIGNOR SI E MAI SIGNOR NO CARLO ALBERTO DI SICILIA" che in materia di latitanza è il " LEGALE RAPPRESENTANTE".
     
    4- Per fortuna che c'è " IL CONTE DRACULA" il quale gode e sguazza nella "calma del silenzio" e non riesce mai a mordere la preda perché dalla bara esce solo di giorno temendo la luce.
     
    5- Ora è il turno dell'Imperioso " ROSSO MAL PELO" ovvero "PAGLIA RICCIA E CANCELLO" il carceriere che non aspetta altro che rinchiudere gli spavaldi " ATTENTI A QUEI DUE".." CAVALLO PAZZO E TUONO ROVENTE" che messi insieme si complementano nel " GIUSTIZIERE DEL GIORNO".
     
    6- A questo punto ci vuole solamente la benedizione della serata, quella di " DIO CHE RICADE SU DI VOI", ce la impartisce " IL CHIERICHETTO DALLE BUONE MANIERI", il rumina emozioni dai cattivi pensieri e non solo quelli.
     
    7- Volutamente ho tralasciato fuori dall'ironia " I MAGNIFICI DUE" austeri, imperiosi e pacifici che non si salveranno nella cena del prossimo futuro…

    Firmato
    Lo Zigrinato che saluta
    Trilussa e Company
     

     
  • 01 giugno 2013 alle ore 10:30
    Storiella

    Come comincia:  Sono Un Portafortuna

    Sono Un Portafortuna

    Ad un torneo di bocce del Centro Anziani di Venosa volevo  toccare la gobba di una vecchietta, convinto che mi avrebbe portato fortuna. Finalmente, dopo tantissimi stratagemmi e senza dare nell’occhio,  sono riuscito a toccare l’agognata gobba. Mi sono abbracciato l’ignara vecchietta, senza dire nulla delle mie reali intenzioni!

    E mi sono messo ad aspettare con ansia gli effetti positivi della mia  iniziativa. Prima o poi la fortuna doveva arrivare!
    Dopo qualche giorno ho incontrato l’arzilla vecchietta, che, con mia grande sorpresa  mi ha abbracciato  dicendomi: “ Ciao Emilio sai una cosa? Mi hai portato fortuna! ho vinto la coppa del  torneo e mi sono piazzata al primo posto!!! Grazie, grazie per avermi portato fortuna!”

    Morale della favola:  ho sempre donato e mai ricevuto.( LA STORIA  E’ VERA!  GLI AMICI ME LO RICORDANO SEMPRE PER PRENDERMI IN GIRO ).

     
elementi per pagina