username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 21 nov 2012

Emilio Basta

28 giugno 1945, Venosa (PZ) - Italia
Mi descrivo così: Sono un sensibile sognatore, amante di tutta la poesia di autori emergenti.

elementi per pagina
elementi per pagina
  • Ieri alle 21:38
    La Sosta

     
    Un lungo giorno
    D'aprile si fa da parte
    Al quando esausto
    La pioggia è passata
    Gli uccelli fan festa
    Al calare della sera
     Il sole rientra
    Avendo scaldato
    Il giaciglio per la notte.
    La pioggia è cessata
    I pensieri e malinconia
    Mi riprendono per mano
    Nell'attesa uguale e precisa
    Che una nuvola superstite
    Si è fermata per ripartire
    E riprendere la sua corsa.
    Intanto io sono
    Ad aspettarti
    Al solito posto
    E tu dove sei.

     
  • sabato alle ore 13:08
    Aspettando... (RIVISTA)

     
    Il mare dorme, si sveglia
    Si agita nei miei occhi
    La pioggia lo bacia
    Sfiora la riva
    La sua inquietudine è la mia.
    Poi s’arrabbia
    Sputa sugli scogli
    S’infrange, schizza
    Biancheggia, spumeggia
    Il mio sguardo si posa
    Sull’onda nuova.
    È un susseguirsi
    Di frizzanti frustate
    Che nebulizza
    salsedine e iod
    Giovando al petto.
    S’acquieta
    M’acquieta
    Vivo con lui.

     
  • 09 settembre alle ore 19:07
    L'Aglianico Di "Orazio"

    Vagabondo della notte sono io!
     
    Solitario me ne vado per le vie
    Deserte e silenziose
    Alla ricerca d'una compagnia
    Che scacci via la malinconia.
     
    Testardo io, quando lo capirò
    Quando scoprirò l'angolo dei sogni
    Allora insieme a voi griderò
    Miracolo, miracolo nella cantina
    Dall'uva è nato il vino
    W il vino, W il vino, W. W.
    È venuto sulla tavola
    A miracolo mostrare.
     
    Bianco rosso fa lo stesso
    Lui le ossa mette a posto
    E dell'anima rimane la sola medicina.
     
    Dalle botti alla bottiglia
    Nel bicchiere lui profuma
    E nella gola poi s'affossa.
     
    Lemme lemme, passo, passo
    L'allegria ti conquista
    Se bevuto in compagnia.
     
    Alle vene fa tanto bene
    Perché scorre così bene
    Da quasi tutti è desiderato
    Amato, collezionato
    E tanto consumato.
     
    Unanimemente battezzato
    Il gigante alla riscossa.

     
  • 09 settembre alle ore 18:26
    Notte Di Oggi

    All'uscita del mattino
    Alzando gli occhi al cielo
    Ho notato uno strano rosseggiare
    Su questo luogo dell'antico dolore.
     
    L'insolito vestito variopinto
    Incuriosisce la gente del paese
    E nei loro occhi profondi
    Si legge paura del tormento
     
    Uno smarrimento totale!
     
    Scende poi la sera
    E a poco a poco nell'attesa
    Si rattristano i pensieri
    Su questo inquieto paese
     
    A chi mai potrò raccontare
    Queste emozioni nella notte
    Pervase dal vento di scirocco
    Uggiosa e fuori dal normale
     
    Nel buio piove neve marrone
    Per suggestionare ogni mente
    Opprime visi e cuori palpitanti
    Bruciando ogni speranza futura
     
    In questa notte di oggi
    Con il passare delle ore
    Il timore si è fatto paura reale
    Nel pensare ai giorni futuri.

     
  • 07 settembre alle ore 18:44
    Caos Quotidiano

     
    Di Primo Mattino
    Cammino tra la nebbia
    E nebbia non v’è
     
    Vorrei fare molte cose
    Ma non so cosa fare
    Non mi rimane che
     
    Rimandare tutto
    O non fare nulla
    Il dilemma di sempre.

     
  • 04 settembre alle ore 21:07
    Il Natale

     
    I pensieri di oggi
    Sono scintille di Dio
    Gli Angeli del cielo
    Padroneggiano nell'aria
    Come Aquile dell'Immenso
    E si nutrono del nostro credo.
     
    Esserci e credere in Lui
    Questo è il Natale
    Dentro il mio cuore
    Che palpita di gioia.
     
    Questa gioia di fede
    Deve essere amore
    E Pace nel Mondo.

     
  • 04 settembre alle ore 21:03
    Il Mese D' Aprile

    Alberi issati al cielo
    Sulle verdi colline
     
    La fiumara ritrae
    Nuove geometrie
     
    In questo aprile
    Dal cielo inquieto
     
    La sua scia si agita
    Sino alla cascata
     
    Poi si acquieta
    E parla in silenzio
     
    Mormorano i giorni
    Che trovano la pace
     
    Come il cammino
    Della fiumara
     
    E quando rasenta
    La mia campagna
     
    Nella valle degli ulivi
    Lo spigliato volpino
     
    Conquista la preda
    Colma la sua gioia
     
    Sazia il suo appetito
    E quello del padrone. ***

     
  • 29 agosto alle ore 17:54
    Speranze Nel Vento ( RIVISITATA)

    Mi duole il soffrire.
     
    In questa armonia
    Di silenzi
    Volano preghiere
    Verso il Celeste
    Con un cielo stellato
    Di un neonato mattino.
     
    Mi duole il passato.
     
    Rabbioso mi perdo
    Nell’armonia
    Di un’alba rossiccia
    Per direzioni ignote 
    In un’aria insolita
    A ritmi caotici.
     
    Mi duole il Trascorso.
     
    Del senso della vita
    Di suoni nel vento
    Urlati nel tempo
    Storie in pericolo
    Tra male e mistero
    Di emozioni svanite.
    Avrei preferito certezze
    Alle speranze affocate.

     
  • 26 agosto alle ore 19:30
    Amori A Lumicino

     
    Un salice solitario
    Piange dai suoi rami
    Notti mute e sorde
    Come il tuo amore.
    Notti assassine
    Che si accavallano
    Una dopo l'altra
    Per spegnere
    Il fievole lumicino
    Come una fiamma
    Sotto una campana di vetro
    Mentre si consuma e muore
    Insieme all'aria che la nutre.
    Notti mute
    Che non osano parlare
    Notti sorde
    Che non osano ascoltare
    Notti sazie
    Che vogliono digerire
    Nuove soluzioni
    In attesa di un risveglio
    Ma come una ventosa
    Si aggrappa
    Sempre più ai nuovi eventi
    Lasciandosi alle spalle
    Una scia di buio
    E negli occhi
    Una luce sperata.
    Notti solitarie solo per uno
    Notti che amano madre luna
    Notti che amano le figlie stelle.
    E per ora solo quelle.

     
  • 26 agosto alle ore 17:41
    Il Mio Cane

    Amo il mio cane.
    Più lo amo
    E più mi ama.
     
    Amo l'umanità
    Più la amo
    E meno mi ama.
     
    Ho amato

     
  • 23 agosto alle ore 19:09
    Solitudine In Compagnia

     
    Quando arriva la sera
    Mi proietto nella notte
    E da solo nel mio letto
    Rimugino presentimenti
    E tra le candide lenzuola
    Non mi sento più isolato.
    I miei istanti si muovono
    Dentro vortici di bellezze
    Per sfamare i miei respiri
    Le notti sono ben nutrite
    E il tempo non mi manca
    Per godermi nuovi amori.
    Inesorabile nasce la luce
    Dissolve le mie bramosie
    Con tutto l’immaginario.

     
  • 22 agosto alle ore 12:43
    Il Mio Cagnolina " Luna "

     
    Ti cerco
    Ti trovo
    Ti guardo
    Non ti trovo
    Ti ritrovo
    Cagnolino
    Che randa
    Battezzato
    " LUNA "
    Ti perdi
    Nella boscaglia di ombre
    Laddove regna il silenzio.
     
    Ti perdi dietro la montagna.
     
    Ti perdi con il sole della sera.
     
    E pensare che Tu " LUNA "
    Dipingi un'ombra mobile
    E solo chi non teme la tua luce
    Riesce a capire il tuo sguardo
    Proiettato lontano a tessere bontà.
     
    Ave " LUNA "
    Ti cerco
    Ti guardo
    Ti trovo
    Ti ritrovo
    Nell'aurora
    Nei tramonti
    Sei l'amico mio
    L'amico di tutti
    Mordi e fuggi la tua casa
    Ma goditi la mia campagna.

     
  • 22 agosto alle ore 12:11
    A Lei

    Affascinante!
     
    Una bellissima Fanciulla
    Dai tumultuosi sentimenti
     
    Come moti tempestosi
    Di un vulcano in eruzione
     
    Mentre sfida il firmamento
    Con le sue fontane di lapilli
     
    Donna rammenta:
     
    Che al tuo passaggio
    I fiori di prato sfoggiano
     
    Colori fosforescenti
    E poi appassiscono
     
    Ricordati che la bellezza
    Non dà la gratificazione
     
    Alle persone aride
    E senza sentimenti.

     
  • 20 agosto alle ore 21:41
    L'Immenso

     
    Ammiro il sole
    Ed è luce nei miei occhi
     
    Scruto le stelle
    Ed è gioia sul mio viso
     
    Osservo la luna
    E il mio viso s’indora
     
    Sfido il buio
    E mi perdo nell’infinito

     
  • 18 agosto alle ore 23:45
    Vivere!!! (rivisitata)

    Mi è successo di nascere
    E rinascere sulla sponda
    Della fiumara a valle
    Trasportato a deriva.
     
    È successo e mi sono perso!
     
    Poi mi sono ritrovato
    A rinascere e dondolare
    Su onda vivace del mare
    È successo mi sono ritrovato
     
    Ora vivo la mia vita
    In una soffice nuvola
    I momenti di sogni
    Gli infiniti sorrisi
     
    Vivo per andare
    Dove mi porta il mare
    Fra calma e trepidazione
    Nell'aria e nel mio spazio.
     
    Per:
     
    Vagare
    Evadere
    Approdare
    In un cielo limpido
     
    Superba a capo chino
    In una sera inesistente
    È successo ragazza mia
    Che mi hai perso davvero.

     
  • 15 agosto alle ore 12:58
    Sensazioni

    In questa calma Divina
    Il sole nasce furtivo
    E brilla l'alba sulla terra.
     
    La pianura tace
    Il fiume si trascina lento
    Tesse i suoi giochi.
     
    Io so dove va a finire!
     
    Quanta acqua
    In questo mare
    Che dorme
    Che veglia.
     
    Il sole termina
    La sua luce
    Piove sul volto del mare
    Dove si inabissa
    Ogni cosa.
     
    I pensieri troppo soli
    L'anima più profonda
    Limpida dentro al petto
    Pulsa aspettative
    Da mane a sera.

     
  • 11 agosto alle ore 19:01
    Io Ti Voglio

    Vento io ti voglio
    Quando suoni
    Al mio cuore.
    Pioggia io ti voglio
    Quando bagni
     Il mio cuore.
    Neve io ti voglio
    Quando candida
    Navighi nell'aria
    E acquieti il mio cuore.
    Cielo io ti voglio
    Quando trasudi
    Raggi dorati
    Che penetrano
    Il mio cuore.
    Mare io ti voglio
    Quando la tua voce
    Mormora al mio cuore.

     
  • 06 agosto alle ore 19:21
    Il Gioco E IL Grillo === Il Grillo

     
    Il sole scherza con la luna
    Il giorno volge le spalle
    Alla sera
    La sera alla notte
    L'alba incalza il tramonto
    Il tramonto preme l'aurora
    Poveri sentimenti
    Burlati dai loro giochi. **
     
     
     
    Il Grillo
     
     
    Luna madre che brilli
    Nella quiete della notte
    Solo rumore nel buio
    La preghiera al cielo
    Di un grillo canterino
    Bagnato dai pensieri
    Luminosi della luna
    Sotto un cielo stellato.

     
  • 04 agosto alle ore 19:19
    Le Mie Lacrime

    Una casa con pareti di fumo
    Per tetto una trapunta stellata
    Con le luci padrone dei sogni
    E di una notte giocherellona
    Che si diverte girare le spalle
    Dispettosa consegna alla luna
    I pensieri scintillanti come lucciole
    Fortunatamente si affaccia il sole
    Bacia le maestose chiome del querceto
    E macula di ombre il prato fiorito
    Il fiume scorre lento e silenzioso
    La quiete e la frescura ti fanno gioire
    Nella mente una barca di sogni
    L'Infinito ed una pioggia di lacrime
    Lacrime amare e dense di dolore
    In sussulto perenne come moti della terra
    Lacrime avide di puri sentimenti
    Che muoiono a sera nel sonno della notte
    Lacrime messaggere e speranzose
    Da leggere come un libro di poesie
    Lacrime di miele prodighe d'amore
    Lacrime alla ricerca di aurore festose
    Che un giorno certamente arriveranno

     
  • 03 agosto alle ore 20:26
    La Vita

    Mai si apprezza ciò che si ha
    L’avidità di ricchezza
    Il desiderio di salute
    Regnano sovrane
    Nel quotidiano
    Si rubano amori
    Si arreca dolore
    E si riceve il male
    L’esteriorità per l’effimero
    Chiude i cuori alla riflessione
    Si fanno promesse
    Il peccato segue
    La preghiera
    Dov’è il Divino.
    È la fine.

     
  • 03 agosto alle ore 20:23
    Fortuna

     
    Danza il mare
    Sotto l'azzurro
    E le luci delle stelle
    Mentre mamma luna
    Domina i suoi movimenti
    E non solo con quelli
     
    In questo teatro cosmico
    L'aurora cerca la notte
    E la notte cerca l'alba
    Senza un attimo di sosta
     
    In questo mare
    Di cielo
    Di terra
    E di storie
    Vi sono luci ed ombre
    Cuori abbandonati
    Cuori che cercano
    Diamanti e smeraldi
    Nel l’azzurro di una stella.

     
  • 03 agosto alle ore 12:32
    L'Alba Di Un Sogno

    Con la luce sulla pelle
    Inciampo nel giorno
    E in quello che non ho,
     
    Cerco un itinerario sereno
    Con il sorriso sulle labbra
    Nel bagliore dei tuoi occhi,
     
    Con le mani tra le notti
    Il mio infinito di dentro
    Assaporo ogni sorso di te.
     
    Mi sveglio nelle stelle
    E sorrido alla mia luna
    Che danza sino all’alba
     
    E nel silenzio che aleggia
    Quella briciola possibile
    Si avvera il mio sogno.

     
  • 27 luglio alle ore 20:13
    La Notte

    Fuggo il giorno
    Quando
    Sul mio letto
    Ritrovo la notte
    E con essa,
    I miei sogni.
    Il buio regala
    Magie, Dolcezze
    Cancella brutture.
    Le stelle scintillanti
    Sussurrano musica
    Dolce e soave
    Col canto della luna
    Che sorride gioiosa
    Invitando al riposo
    Il giorno che rinasce.
    Mentre io
    Rincorro la notte.

     
  • 25 luglio alle ore 18:35
    Esito Delle Guerre

    L’arruffio d’una barca in avaria
    Avvampata sotto l’arsura
    Di un sole tanto audace
    Alla ricerca dell’attracco
    Al molo che argina il mare
    Prodigo di avannotti
    Mentre nell’aria gabbiani
    Sorvolano i moti del mare
    E le sventure dei gommoni
    Affollati di speranze
    Stracolmi di paure
    E incertezze
    Attuali e remote
    All’orizzonte l’aliscafo
    Anfitrione dei mari
    Alitato dai venti e dai motori
    Angustia e angoscia i pensieri
    Man mano che si accorcia il tempo
    E solo poi stupisce e allibisce
    Colui che allarga le braccia
    Per alleviare il tormento
    E passare da l’angustia
    Ad una allestita accoglienza
    Che dona loro la speranza
    E l’animo per il futuro.

     
  •                        
     
    Amore
    Non morire
    Dura tutta la vita
    Amore
    Sei come l'aurora
    Nasci e ti perdi nella sera
    Amore
    Sei come il crepuscolo
    Ti tuffi nel seno della notte
    Amore
    Sei come il vento
    Spiri tutti i sentimenti
    Amore
    Sei come il mare
    Mai sempre calmo
    Amore
    Sei come la pioggia
    Attesa e poi bagni di pianto
    Amore
    Sei come la nebbia
    Ti dissolvi nel nulla
    Amore
    Sei luminoso
    E poi buio come la notte
    Amore
    Sei un vulcano
    Esplodi ardi e ti raffreddi
    Amore
    Sei come la neve
    Candido e poi gelido. 
    Amore
    Sei una fiamma
    Che si spegne per non ardere.
    Amore
    Sei come una foglia
    Voli come una bianca farfalla
    E poi precipiti nel nulla.
    Amore
    Non morire
    Dura quanto vorrei.
    Amore!

     
elementi per pagina
  • 12 aprile 2014 alle ore 9:50
    La Nuvola Capricciosa

    Come comincia: Dopo una notte invecchiata, sull’ uscio della porta della mia casa di campagna volevo salutare la prima luce, ma una nuvola randagia e dispettosa, si è permessa di velare il giovane sole, il quale cresciuto un pochetto l’ha dissolta con il suo calore.
    E così in questo giorno di calma estate mi sono goduto il tepore del fanciullo giorno.
    A sera avanzata ha fatto la stessa cosa con la luna, che indispettita ha chiesto aiuto ad Eolo il quale rabbiosamente l’ha spazzata via e, per lungo periodo mi ha fatto gioire fra la pace di tante aurore e molti tramonti.
     

     
  • 04 febbraio 2014 alle ore 16:50
    Storia Dell'Arca Di Nooel

    Come comincia: Dio c'è… L'Universo pure, non manca "LEI LA PIA DONNA", colei che sussurra al branco dei cavalli, colei che in un raro momento di anormale bontà, per opera e virtù dello Spirito Santo ha concepito e partorito " LA BANDA COLPISCIE FUGGI".
    Uno alla volta "LEI" INVITA A SALIRE TUTTI sull'ARCA DI NOEL che non può salpare per via del mare che ha prosciugato in una sola bevuta.
    Trasparente e innocente annota sul "BROGLIACCIO DI BORDO" i nomi dei signori "ARMIAMOCI E PARTITE", vale a dire:
     
    1- "LO ZIGRINATO", e il signor "TENENTE, BRIGADIERE COLOMBO" soprannominato "RAVANELLI, L'INDIANO PENNA BIANCA", e li colloca, non avendo la magia di farli sparire, nella stiva di bordo per non vederli.
     
    2- Dopo chiama "IL MARESCIALLO O TENENTE ALBERTONE IL SIMPATICONE" specialista in evasioni a ripetizioni.
    Albertone il brigadiere dei sogni per non perdere lo scettro di imperatore chiama subito al suo fianco…
     
    3- "IL SIGNOR SI E MAI SIGNOR NO CARLO ALBERTO DI SICILIA" che in materia di latitanza è il " LEGALE RAPPRESENTANTE".
     
    4- Per fortuna che c'è " IL CONTE DRACULA" il quale gode e sguazza nella "calma del silenzio" e non riesce mai a mordere la preda perché dalla bara esce solo di giorno temendo la luce.
     
    5- Ora è il turno dell'Imperioso " ROSSO MAL PELO" ovvero "PAGLIA RICCIA E CANCELLO" il carceriere che non aspetta altro che rinchiudere gli spavaldi " ATTENTI A QUEI DUE".." CAVALLO PAZZO E TUONO ROVENTE" che messi insieme si complementano nel " GIUSTIZIERE DEL GIORNO".
     
    6- A questo punto ci vuole solamente la benedizione della serata, quella di " DIO CHE RICADE SU DI VOI", ce la impartisce " IL CHIERICHETTO DALLE BUONE MANIERI", il rumina emozioni dai cattivi pensieri e non solo quelli.
     
    7- Volutamente ho tralasciato fuori dall'ironia " I MAGNIFICI DUE" austeri, imperiosi e pacifici che non si salveranno nella cena del prossimo futuro…

    Firmato
    Lo Zigrinato che saluta
    Trilussa e Company
     

     
  • 01 giugno 2013 alle ore 10:30
    Storiella

    Come comincia:  Sono Un Portafortuna

    Sono Un Portafortuna

    Ad un torneo di bocce del Centro Anziani di Venosa volevo  toccare la gobba di una vecchietta, convinto che mi avrebbe portato fortuna. Finalmente, dopo tantissimi stratagemmi e senza dare nell’occhio,  sono riuscito a toccare l’agognata gobba. Mi sono abbracciato l’ignara vecchietta, senza dire nulla delle mie reali intenzioni!

    E mi sono messo ad aspettare con ansia gli effetti positivi della mia  iniziativa. Prima o poi la fortuna doveva arrivare!
    Dopo qualche giorno ho incontrato l’arzilla vecchietta, che, con mia grande sorpresa  mi ha abbracciato  dicendomi: “ Ciao Emilio sai una cosa? Mi hai portato fortuna! ho vinto la coppa del  torneo e mi sono piazzata al primo posto!!! Grazie, grazie per avermi portato fortuna!”

    Morale della favola:  ho sempre donato e mai ricevuto.( LA STORIA  E’ VERA!  GLI AMICI ME LO RICORDANO SEMPRE PER PRENDERMI IN GIRO ).

     
elementi per pagina