username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emilio Basta

in archivio dal 21 nov 2012

28 giugno 1945, Venosa (PZ) - Italia

mi descrivo così:
Sono un sensibile sognatore, amante di tutta la poesia di autori emergenti.

02 aprile alle ore 22:08

Capelli Al Vento

 
Il mare non si agita più
Sotto la frusta del vento
Che ha smesso di respirare.
Il silenzio sveglia la notte
Stringe compagnia alla solitudine
Che m’appartiene.
Il giorno inesorabile avanza nel buio
E tu sotto un insipido sole mattutino
Capelli al vento fuggi
In un campo di grano
Lasciandoti alle spalle
Una lunga scia di vuoto.
Adesso l’usignolo
Non canta la solita serenata
Gli uccelli cinguettano meno
Le rondini si sono fatte da parte
E la mia solitudine ricca e muta
Colpa del destino
Che ha portato lontano i miei sogni.
Il cuore vaga nel buio
Per vicoli solitari
Alla ricerca di un nuovo furtivo padrone
Per impedire ai miei occhi di lacrimare
E dire quello che il cuore non osa.
Quasi quasi morirei.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento