username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emilio Basta

in archivio dal 21 nov 2012

28 giugno 1945, Venosa (PZ) - Italia

mi descrivo così:
Sono un sensibile sognatore, amante di tutta la poesia di autori emergenti.

01 maggio alle ore 18:31

La Guerra Dei Giovani

 
La strada infuocata
Dal caldo di luglio
Corre verso la scuola
Per l'ultima prova.
Lungo la pianura
A petto di donna
Dal grano mietuto
Giganteggiano
Sui numerosi seni
Alberi rigogliosi  
E solitari
Di pero selvatico.
Nella mia mente
Già il domani
Con le giovani amicizie
Prossime a dividersi
Come quegli alberi
Che vivono solitari
Il nuovo futuro.
Gioventù bruciata
Arsa nei giorni felini
E frettolosi
Giovani che si disgregano
Fra ansie e paure
Come ombre al sole
Futuro arrendevole
Tra sogno e irrealtà
Inconscio e sub
Felici di respirare
Il candore degli angeli
Creature celesti
Con l'unico intento
Della nuova vita
Che bussa alle porte.
Di aprire la strada
A corse e gomitate.
La giusta strada
La retta via.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento