username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Eva Laudace

in archivio dal 02 nov 2010

25 maggio 1983, Vasto - Italia

segni particolari:
Eva Laudace crede nelle persone che hanno il coraggio di dare un nome alle cose e, per questa ragione, usa un quasi pseudonimo.

mi descrivo così:
(Mi) cambio spesso, quindi accumulo difetti. Amo i cappelli ed i chupa chups alla mela verde. Purtroppo sono allergica alle noccioline.

26 novembre 2012 alle ore 10:09

L'amore che tutto perdona

Scrivo poesie di mattina presto
quando viaggio
o cincischio nelle tasche verso l'ufficio.
Scrivo poesie durante il giorno
nei caffé
parlando con la gente del più
e dei meno nelle pause.
Scrivo poesie moltissime volte
quasi il più delle volte dico
nel dormiveglia.
Mi appunto le cose belle a riposo.

Non scrivo poesie
se Qualcuno mi grida
o sbatte la porta
o se devo scansare le mani.
Eppure coltivo l'amore
negli agiti violenti
dove ci si parla addosso
e mi si sputa.
Sono una vittima
anche quando perdono?
E' una mia colpa l'ultimo tentativo?

Scrivo poesie in cui mi nascondo
perché la realtà è piuttosto nemica.
Una bellezza mortificata
lentamente ma in profondità
resiste allo sguardo della gente.
Non affiorano ai versi
quei gesti indicibili
né la fede mia riposta
che mi tiene schiava
mentre scrivo poesie
per tutto il resto della vita.

(da Tutto ciò che amo ha dentro il mare, Eva Laudace, La Vita Felice 2013)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento