username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Felix Adado

in archivio dal 23 mag 2012

12 febbraio 1980, Lomè - Togo

mi descrivo così:
nero, sorridente

23 maggio 2012 alle ore 11:11

Siamo battiti d'amore

Rumori risucchiati da cuori frantumati.
Brusio sepolto nel silenzio soleggiato.
Urli d’aiuto naufragati nel tentativo di salvezza;
chi potrà sentire nel suo umile dovere di dare una mano.
Chi oserà scendere dal suo cielo,
per queste anime abbandonate qui sulla costa
dalle sadiche onde che per una volta
sono state vesti di salvezza.
Chi dormirà con noi alla stazione questa notte,
chi mi porterà nella sua dimora per fuggire da questo buio.
La colpa nostra è che siamo nati a un punto debole,
che siamo alla coda di una fila che il temporale sta per
bruciare;
Pero i nostri cuori fanno i loro battiti insieme
Mentre le nostre anime marciano per la libertà da una vita
i nostri plantari sbattono per l’oceano invece che per terra
e mentre cantiamo nella nostra cultura
facciamo un rumore bagnato che a questo mondo
è inedito.
Noi porteremo a galla da questo naufragio
un coraggio che nessuno conosce,
così potremo dedicarci questa melodia,
che siamo anime azzurre
e insieme facciamo una marea di gente.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento