username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giovanni Boccaccio

in archivio dal 23 nov 2001

1313, Firenze

1375, Certaldo o Firenze

segni particolari:
Il primo prosatore della tradizione letteraria italiana.

mi descrivo così:
Sono un innovatore, il "papà" degli umanisti, il mio Decameron infatti è ispirato alla nuova concezione antropocentrica dell'universo.

15 luglio 2011 alle ore 16:07

Chi non crederrà assai agevolmente

Chi non crederrà assai agevolmente,
s'al canto d'Arion venne il delfino
faccendo sé al suo legno vicino,
al suo comando presto e ubidiente,

che, solcando costei il mar sovente
in breve barca, nel tempo più fino,
alla voce del suo canto divino
molti ne venghin desiosamente?

E quas'a ciò da Nettunno mandati
circondan quella, e ogni cosa sinestra
cacciando indrieto, e onde e tempestate.

O orecchi felici, o cuor beati,
a' quali è la fortuna tanto destra,
che d'ascoltarla fatti degni siate!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento