username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Pipino

in archivio dal 09 giu 2011

22 luglio 1949, Palmi (RC) - Italia

mi descrivo così:
Sono un sognatore. Sogno un mondo dove si possa essere buoni senza essere considerati fessi. Dove si costruiscano impianti solari a concentrazione (quelli progettati da Carlo Rubbia) che dissalino l'acqua del mare e con tale acqua si fecondino i deserti, e si produca idrogeno per muovere il mondo

10 giugno 2011 alle ore 17:50

Ritorni (a Carmen)

Ora
che sono solo
con me stesso,
mi sento
molto più umano,
perciò divino. La mia vita,
chiara,
mi scorre nella mente come dovessi
morire stasera
alle 23 e 10.
Mi è chiaro
di questa vita l'inizio,
un milione d'anni
fa, con mia moglie
che mi si stringe addosso
e non mi da
fastidio la sua puzza
di capra, ma l'adoro. E adoro
l suoi lunghissimi capelli
neri che m'avvolgono
e scaldano e scacciano
le paure in fondo al buoi, oltre la roccia
che sbarra la porta ai mostri
della notte ed ai loro urli.
Morirò stanotte
alle 23 e 10
e mia moglie – la stessa d'un milione
d'anni fa - mi morderà
la mano e coprirà
coi suoi capelli...
Lascio di me un piccolo
messaggio in una bottiglia,
una poesia, una stella
frantumata. Frammenti
d'una divinità che mi sopravviverà,
barlumi
d'una divinità intravista,
ma inenarrabile
come medusa che la luce
disveli e sciolga. Ho amato
da morire
e questo basta. Talora
sono stato riamato.
Voglio divenire la foglia marcia che nutrirà
la vite della prossima vendemmia.
Qualcuno, senza saperlo, berrà
il mio vino, come io ho bevuto
ai calici generosi
dei padri che mi hanno preceduto,
ed amato e nutrito.
Qualcuno bevendolo, scoprirà
che non era poi
così difficile volare,
e l'insegnerà
a qualcun altro, semplicemente,
con amore, poco prima di partire
o, forse,
di tornare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento