username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Iago Sannino

in archivio dal 09 ott 2006

21 settembre 1968, Roma

segni particolari:
Ho un occhio che vede ed uno che sente. La lingua è nell'orecchio, la mente snobba il cuore che chiede elemosina alla pazzia che avanza. 

mi descrivo così:
Sono un poeta. Spero di rimanere fedele alle mie scritture, in questo mondo di strane promesse e facili teoremi, perdersi è la strada sicura verso la felicità... che io lascio volentieri a chi ne ha bisogno.

15 marzo 2011 alle ore 15:44

Delirium tremens

di Iago Sannino

editore: LAB

pagine: 90

prezzo: 7,64 €

Acquista `Delirium tremens`!Acquista!

Il "delirium tremens" è una fase acuta di delirio causata da un'astinenza dall'alcol o da trattamenti farmacologici.
Il delirio di Iago Sannino, è quello di un poeta visionario, stravolto da immagini e forme artistiche impietose, irriverenti e fuori dal comune. Il suo è un paesaggio poetico costruito su misura, in un mondo altro, dove tutto è lecito, e l'artista inneggia la sua immaginazione sguazzando in vortici di parole e idealità.
Le sue poesie danno il sentore di un quadro dai colori accesi di un pittore impressionista. Sono opere animate dove si provano sensazioni al limite del reale attraverso la lettura: "piango il tuo calore/ che molto freddo m'ha generato", "La rugiada uccide/ commuovendo il duro perdono".
A tratti sembra proporre sprazzi di nonsense, ma poi il mosaico in frantumi si rigenera in una realtà emozionale, che ha lo stesso sapore di carni crude e di fiori appassiti. Una visionarietà che non ha limiti, che trascende da ogni confine; che rinvigorisce l'arte dell'assurdo, rendendola maestra d'espressione e di vita.

"Pezzi di bambini obesi piovono
dal cielo alimentare
e pazze madri anoressiche, vomitano
ricette di colesterolo da esafagi esagonali"

Questi quattro versi ricuciono la poetica di Iago Sannino: acciuffare le immagini del reale in un foglio, ridurle in brandelli di carta e rielaborarle nel suo mondo. Un pianeta poetico, dove le parole hanno un significato più denso, e dove - forse - è custodita la vera realtà.

recensione di Paolo Coiro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento