username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Racconti di Irene Tripodi

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Irene Tripodi

  • 17 marzo 2009
    Candide idee

    Come comincia: Quando Mel aprì gli occhi la parete bianca l’accecò per un istante azzerando i pensieri.
    Un’idea squarciò quel silenzio cromatico: questa volta ce l’avrebbe fatta.
    Da giorni non andava più a dormire sola.
    Una strana amarezza l’accompagnava per tutto il giorno e la sera la ritrovava intatta dentro il letto , nascosta tra le lenzuola, infida come un agguato, le stringeva la gola, strozzava le speranze e i desideri.
    Aveva provato a ingannarla e a portarsi un sorriso a letto ma non funzionava.
    Posticipò l’ora della dormita, pensando che forse si sarebbe addormentata stanca di aspettare, ma lei resisteva come se nulla fosse.
    L’amarezza non ha mai sonno.
    Allora provò con gli uomini, ma non funzionava neanche così.
    Quella vecchia balorda aspettava che gli amplessi si consumassero, assisteva ai gemiti e alle finte carezze e stava a guardare quei giochi di ruolo con disincanto e una smorfia di disappunto
    E poi si metteva al suo fianco e le scaldava il sonno di un gelo putrescente.
    Ma non si assopiva, vegliava sul sonno contorto di Mel popolato di paure e catastrofi incombenti.
    Non la lasciava mai.
    Mel era stufa.
    Quella mattina la trovò distratta, intenta a escogitare un modo per dissimulare la tristezza e rendere ancora più feroce l’assalto della sera.
    Ma Mel ebbe un idea.
    In realtà stava scritta da giorni su quella parete bianca che si ritrovava di fronte appena apriva gli occhi ogni mattina o forse veniva proiettata lì direttamente dai suoi occhi.
    L’afferrò prima che lei se ne accorgesse e silenziosa lasciò il letto.
    Aveva deciso di ingannarla, di sottrarsi alla sua prigionia e doveva approfittare di quel momento, non poteva lasciarsi sfuggire quei rari preziosi attimi di distrazione.
    Questa volta ce l’avrebbe fatta.
    L’aria fredda entrò dalla finestra, le attraversò la pelle attraverso il cotone leggero del pigiama e coprì il suo corpo di brividi.
    Fu un po’ difficile salire sul davanzale, ma quando sei in fuga non fai certo caso all’eleganza dei gesti.
    Il tonfo non fu neanche molto rumoroso.
    Fu un vociare chiassoso per almeno due ore: autoambulanze , carabinieri, lo stupore dei passanti
    Lei rimase a guardare tutto dalla finestra, con la solita aria stizzita.
    Ma era già pronta a cercare qualcun altro da perseguitare.