username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Teresa Di Sarcina

in archivio dal 03 apr 2007

21 agosto 1975, Formia - Italia

segni particolari:
Redattrice di Aphorism dal 2007.
Leone ascendente Scorpione, credo nella reincarnazione. Vorrei un cane, adoro il mio gatto.

mi descrivo così:
Archeologa ottimista con il tarlo della lettura. Non posso fare a meno di leggere, ascoltare musica, andare al cinema, annusare l’odore del mare. Amo viaggiare, studiare le mappe delle città, fare indigestione di cibi, parlare con le persone per strada.

19 luglio 2013 alle ore 15:23

San Lorenzo, 1943-2013

Anvedi wazz’ammerican boys,
ve devo pure da di’ grazie,
perché ‘sto giorno de settant'anni fa
quanno su Roma che era città aperta 
avete vomitato 'na scarica de bombe
che er cielo pe’ vergogna era sparito,
a San Lorenzo, wazz’ammerica',
ve siete sbizzarriti pe’ diletto,
ma nonna mia, co' mi' madre e zio 'n fasce
l’avete risparmiati per un pelo,
quanno lo scoppio de ‘na bomba li sbattette
dentro a la bottega der cassamortaro
imperciocchè wazz’ammerica'
ve dico grazie, sì, però...
però... quanti morti ammerica'
c'avete regalato in un sol giorno,
altro che carammelle, ammerica'...
Mo' dopo settant'anni io sto qua,
ve vorrei pure racconta' dell’altre storie
che a San Lorenzo so’ rimaste sconosciute
e che mi’ nonna, wazz’ammericà,
m’ha raccontato fino a che è campata… 
de Boccolini er fornaro a via de’ Sardi
che pe’ na bomba fini’ nel forno suo,
del carretto della birra coi cavalli
che nella buca è stato ritrovato,
de Menicuccio, che nun era ancora l’ora
de fini’ al Verano in un fornetto,
der poro nonno, wazz’ammericà,
che’r colonnello sopra al Buon Pastore
je disse “corri, Bacca’, corri a casa,
va’ a cerca’ i tuoi, Bacca’, pija la gippe”,
de Sora Nardina e suor Ilderosa
de tutti l’artri coi sogni nel cassetto…
Ma nun c’ho tempo, wazz’ammericà,
perché la vita va avanti come’n treno
allora prego, wazz’ammericà
e me ricordo de tutte l'anime beate
annatele a vede’ dentro la cchiesa
padre Antonino li’ l’ha ricordate.
Ma ve ringrazzio, wazz’ammericà
perché a mi'madre, quer giorno maledetto
l'avete risparmiata, wazz’ammericà,
e a me m'avete fatto nasce, pe’ dispetto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento