username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Teresa Dotti

in archivio dal 26 ago 2018

05 maggio 1961, Milano

mi descrivo così:
Curiosa

03 ottobre 2018 alle ore 11:36

Un posto dove tornare

C'è sempre un posto dove vorrei tornare,
tra la bellezza delle mie colline,
invase dall'erica in fiore.

Il tonfo maturo dei ricci nei castagneti
e la pioggia improvvisa,
che smalta ogni foglia d'autunno.

E se ci fosse un tramonto di fuoco,
sarei là,
a guardarlo dall'alto mentre delicato si adagia
tra le creste d'acqua del lago.

Sulle spalle lascio cadere i capelli sciolti con il vento
che non ha appigli
Libera dentro il ricordo dei miei occhi randagi
Pare fermo tutto come allora,
quando inciampando tra le iris rotolavo tra l'erba alta.

I capanni di caccia abbandonati tra le siepi d'alloro,
i tralicci mostruosi e svettanti,
nell'azzuro intenso del meriggio.

E l'ora del ritorno, mestamente.
Dal sentiero non odo frinire le cicale
inseguendo l'ultima farfalla nel suo consumarsi dentro la sera

Commenti
  • Luciano Rosario Capaldo Tra ali e radici la nostra vita ci accade! Il ricordo e la nostalgia servono poi ad invertire il loro moto. Molto affascinante.

    01 novembre 2018 alle ore 9:18


Accedi o registrati per lasciare un commento