username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mario Luzi

in archivio dal 12 mar 2007

1914, Firenze

2005, Firenze

segni particolari:
In occasione del mio novantesimo compleanno sono stato nominato senatore a vita della Repubblica italiana.

mi descrivo così:
Sono stato un poeta e scrittore italiano. Occupo un posto particolare nella famiglia dei cosiddetti ermetici e, insieme a Bigongiari e a Parronchi, si può dire che costituisco il culmine dell' "ermetismo fiorentino".

01 agosto 2011 alle ore 18:06

Padre dei padri

Questi erano i patti,
                             altri
forse in allegria
                        per pura amicizia
                                                  ovvero
per un grano
                     ancora celeste
                     di celeste libertà
                     riposto nel cuore
                                            li avevano
                                                           in un tempo
ancora indiviso
dall'eternità
                 quei patti
                               immemorabilmente stretti
noncuranti di nominarli
di dirli, di dettarli
                        ed essi come nuvole
                        nel mezzogiorno dei monti
                        riposavano in sé
così si trasmettevano
                               così operavano essi di età in età...

E ora che cosa non sanno, che cosa non ricordano
                                                                     questi che
                                                                     ripetono
nella loro oscurità di posteri
                                        imprecando
la lunga traversata del loro esodo -
                                                              miglia e miglia,
afa
     e quel nerore
                         su tutta l'affocata linea delle dune,
sparse ossa
raffioranti, semisepolti
rottami
       rosi da sale e ruggine:
                                  testimoni? - Sì, potrebbero
                                  veramente esserlo
                                  testimoni, e non solo morti segni
che qui furono tutti
fatti una sola polvere
i codici, i rescritti
                          e anche quei profondi
indicibili regolamenti
                      sconciato ogni decalogo
                                                          derisa
                      vecchia e nuova alleanza
                      e il sangue del loro preziosissimo sigillo.
                                                                Per libidine
di sangue (li vorrei
consci di questo):
                          buio sangue
                                            da scolatoio di macelli
                          dove tutto defluisse, tutto si disfacesse.
                                                      Per quella libidine.

Che cosa non ricordano, che cosa non sanno?
li stringe il tempo
fedifrago, li pesta nel mortaio
                                          della sua
                                          sanguinosa nullità
ma ha
          talvolta
                     ritorni procellosi
                         la mente a se medesima
                                                              rientri
atroci
        dalla sua contumacia abominevole...
                                                         E sussultano essi,
che cosa li rimorde?
                             c'è oblio o c'è ignoranza
- e di cosa - in quella spina?
                                         Si dibatte
contro un'oscura dimenticanza,
si aguzza e si tortura
la mente
             per un'impossibile chiarezza
                                                       e intanto
li accusa un quid,
                          li incolpa
un'ignominia
occulta, un'infedeltà...

ai patti - quali erano quei numinosi patti?
                                                          Ne portano
essi solo l'ombra
                         e il cruccio di un tradimento...
Davvero nessuno parla?
                                    Tace nel silenzio
                                    delle sue lontane rocce
                                    l'antica parleria -
                                                         o il silenzio
                                    è nostro, e non più lacuna,
                                    ora, di parola
                                                        ma annullamento
                                    e cenere da cui tutto risorgerà?

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento