username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mauro Pinzone

in archivio dal 24 mag 2014

09 aprile 1959, Albenga (SV) - Italia

segni particolari:
Segno zodiacale ariete.. ascendente sagittario.. convinto, musicista scrittore artigianale di versi e canzoni

mi descrivo così:
scrivo canzoni perché sento il bisogno quasi fisico di farlo, perché le mie canzoni esprimono l’unica verità o le molte verità di un anima disordinata, distratta e costantemente in bilico; scrivo canzoni perché è l’unica maniera di descrivere quello che ho dentro e che non so esprimere sinceramente

22 luglio alle ore 22:35

Il bosco e la notte

Il racconto

Le sere d’estate era sua abitudine uscire in giardino e sdraiarsi sull'erba umida.
Era un giardino di dimensioni ridotte, ma al di là di esso c'era il bosco, dal quale lo separava una sottile rete metallica, che lasciava passare inevitabilmente rumori e profumi.
Stava delle ore sdraiato a guardare il cielo, cercando di creare disegni fantastici unendo le stelle tra di loro con un sottile filo invisibile.
Stava così, immobile, respirando piano, a volte sino a quando il buio si dissipava nel sospiro dell'alba, ascoltando il suono del bosco, che respirava e soffiava sopra la sua anima, sino a spegnere quel fuoco impaziente che gli bruciava dentro, che lo costringeva ogni giorno a rincorrere la vita come se dovesse essere indispensabile sorpassarla per arrivare prima di lei.
E poi all'alba… rientrava in casa, e si preparava a un altro giorno, a un'altra inutile corsa verso il superfluo, verso un'esistenza da abbandonare dentro a un armadio...

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento