username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Moreno Tonioni

in archivio dal 26 apr 2010

28 settembre 1959, Bologna

segni particolari:
"L'italiano, tra non molto, sarà la più bella tra le lingue morte e il linguaggio  di un tempo diverrà a breve un oggetto estetico a rapido esaurimento nell'approccio col reale".
Roberto Vecchioni

mi descrivo così:
"Viviamo d'un fremito d'aria, d'un filo di luce, dei più vaghi e fuggevoli moti del tempo, di albe furtive, di amori nascenti, di sguardi inattesi. E per esprimere quel che sentiamo c'è una parola sola: disperazione".
Vincenzo Cardarelli

25 giugno 2014 alle ore 21:25

Moreno Tonioni dixit:

Stanco dal tanto combattere per le mie convinzioni, sedetti dalla parte del torto in quanto in quella della ragione non v’era un posto libero…perché mai attendere, non v’era possibilità alcuna che si liberasse un posto in quella fazione

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento