username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Orsola Mainolfi

in archivio dal 05 set 2006

03 ottobre 1987, Napoli

segni particolari:
Un grande punto interrogativo puntato sul mondo.

28 ottobre 2015 alle ore 22:16

L'ultima spiaggia

Il racconto

- Spara! -. 

Aspirò profondamente dalla sua sigaretta, lasciando che il fumo abbandonasse le sue labbra lentamente. Come l'acqua trasportata dalla corrente, che le lambiva i piedi nudi affondati nella sabbia.

La luna era particolarmente luminosa quella sera, non potè fare a meno di notare.

- SPARA! - .

"Cristo..." imprecò dentro di sè, rivolgendo gli occhi al cielo per scusarsi immediatamente.

- SPARA! SPARA! Andiamo... è quello che vuoi. Lo sai che è quello che vuoi....SPARA! - .

C'era qualcosa d' incredibilmente fastidioso in quella voce. Non la ripetitività dell'ordine. Nè l'ordine in sè per sè. Nè tantomeno il contenuto dell'ordine stesso. Quanto il suono. Possibile che fosse stato sempre quello? Da quando precisamente aveva iniziato a credere fosse diverso?Si voltò, lasciandosi cadere la sigaretta dalle labbra.

"Ecco da quando." .

- Raccogli quella cazzo di pistola e spara! CRISTO! SPARA, SPARA! - . I pugni stretti convulsamente. Gli occhi iniettati di sangue, deliranti. Il ghigno provocatorio.

Era diventato identico al proprio riflesso. Quello di un po' di tempo fa.

Gli avrebbe detto che sembrava trattarsi dell'ultima spiaggia, se non le fosse venuto subito da ridere per l'ironia scaturita dalla consapevolezza del posto in cui si trovavano.

L'aveva seguita di soppiatto per tutto il tragitto, mal celando di proposito la sua presenza.

Era stata tentata più volte di voltarsi, raggiungerlo laddove si nascondeva e urlargli di andare al diavolo. Ma non l'aveva fatto. La curiosità morbosa era l'unico elemento del suo carattere che proprio no, non era riuscita a smussare durante il suo percorso. L'aveva lasciato fare per vedere fin dove si sarebbe spinto. Ed erano arrivati fino a lì. Lei avanti, lui dietro. Come in una continua giostra in cui si fanno più giri da diverse angolazioni per vedere cosa si prova. Ma quello era tutto fuorchè una giostra. Semmai un gioco al massacro. Sadico tanto quanto i film che le piaceva vedere.

Era risaputo che i registi prendessero spunto dalla realtà. Quelli più attinenti a quest'ultima non erano i fantasy, le romantic comedy o i thriller. Erano gli horror. Proprio perchè no, sembrava non esserci il benchè minimo spazio per quella cosa chiamata "amore" in quell'angolo sperduto dell'universo in cui erano stati relegati a sopravvivere. E semmai ce ne fosse stato di spazio, era tristemente limitato e difficilmente reperibile. Barattabile spesso e volentieri con maree d' illusioni.

E il motivo per cui si era ritrovata a riflettere su tutto quello si trovava lì, di fronte a lei. Perchè se non ci fosse stata la benchè minima ombra di quella cosa limitata, difficilmente reperibile e barattabile, no. Non si sarebbe mai e poi mai prestata a quel gioco. Era arrivato anche il momento di piantarla di prendersi per il culo da sola.

- Mi hai deluso. - trovò solo la forza di dire. Tre parole che racchiudevano il prima, il durante e il dopo di una storia predestinata da tempo a chiudersi così, probabilmente. Che lui nemmeno sentì. Gli occhi iniettati di sangue erano ancora rivolti alla pistola che giaceva poco distante dai suoi piedi. Laddove il mare, purtroppo, non riusciva ad arrivare.

Estrasse un'altra sigaretta dal pacchetto che aveva costretto nelle tasche dei jeans e se l'accese, mentre lui la guardava.

- TI HO DETTO DI SPA-...-.

Mai e poi mai si sarebbe aspettato l'occhiata glaciale che lei gli rivolse. Poi la vide tirar fuori un'altra boccata di fumo e rivolgere gli occhi nuovamente al cielo.

Avrebbe potuto accontentarlo, si era ritrovata a pensare, facendo saettare lo sguardo dall'arma ai suoi piedi al concentrato di disperazione che le era davanti. Sì. Disperazione era il termine più adatto che potesse descriverlo. Forse l'unico.

No. Non l'avrebbe fatto, pensò istantaneamente, prendendo ad avanzare lentamente verso di lui, osservandolo diventare sempre più piccolo man mano che camminava. Sovrastò con la sua ombra quelle che giacevano in prossimità della sua presenza. Troppe, per una persona sola.

Scosse la testa e sospirò, quando si trovò a condividere la stesso suolo su cui poggiavano anche i suoi piedi.

- Troppo semplice. - gli sussurrò in un orecchio, mentre la luna lasciava spazio al sole in un gioco di colori irripetibile e i suoi piedi si allontanavano, lasciandolo alle spalle.

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento