username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Paolo Bianchi

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Paolo Bianchi

  • 31 agosto 2012 alle ore 12:48
    A ZEMAN (agosto 2012)

    Sul volto tuo dell'esperienza il segno
    In te stanno vicine Sparta e Atene
    E l'urlo per la rete si trattiene
    Su quel tuo volto immobile, di legno.

    Chi dice antipatia, chi contegno,
    Ma quel che conta è lavorare bene.
    C'è quel ch'è giusto, non quel che conviene
    C'è la parola detta, non lo sdegno.

    Ti è grato il Calcio, rigoroso e fiero
    Grato ti è il pubblico, sempre chiassoso
    Ed anche il calciatore dolorante.

    Perché tu pieghi la realtà al pensiero,
    O così speri, maestro prezioso,
    Che insegni sotto a una pioggia incessante.

  • 06 aprile 2012 alle ore 13:53
    HAIKU (aprile 2011)

    Tra il bianco e il verde
    feconda e poi sussurra,
    la Primavera.

  • 04 aprile 2012 alle ore 15:18
    HAIKU (29 APRILE 2012)

    Piccola realtà.
    Timidamente il vento,
    parla di altrove.

  • 26 settembre 2011 alle ore 9:22
    HAIKU (settembre 2011)

    Funi di porto
    che riposano al sole.
    Sollievi d’acqua

  • 26 settembre 2011 alle ore 9:21
    HAIKU (settembre 2011)

    Come cristalli
    inquiete nella notte
    luci del mare

  • 26 settembre 2011 alle ore 9:21
    HAIKU (settembre 2011)

    Salici immensi.
    Con lo sguardo invecchiato
    muore settembre