username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Solazzi

in archivio dal 20 set 2007

30 maggio 1955, Milano

mi descrivo così:
Sono una scultrice, scrivo per dare lentezza alla polvere che troppo rapida passa tra le mia dita.

19 novembre 2007

Venere

Raschiava la betulla
sul carmine genocidio
volavano piccole eliche
rotolando
sulla striscia di sangue
lordo di pensieri devasti

schegge impazzite
rotondi lacci
strinsero polsi leggeri
fragili garretti
di daini impauriti
tra le froge ansimanti

la nebbia
se sale ottusa
regala pazzia all'anima
rotta
data
e tolta

ma
il melangolo
sprecò aromi
tappeti di viole antiche
sullo zucchero candito

messaggero di sensi
ardente ancora
sulla punta delle dita

perle di messe
mature di profumi
portammo il canto
sul colore e sulla cenere

ma
Venere nasceva
tra i fiori caduti
gelati di grandine

rosati tappeti,
cemento accogliente
impresso di olii
di mandorle amare

senza dio

e ormai senza più stelle.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento