username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

21 marzo alle ore 17:21

Dov'è che siete andati

Dov’è che siete andati
miei rami senza forma
e fiori imbastarditi
da inverni pingui.
Non avevo anni non cadenze
e vi chiamavo bambini nell’utero
procarioti di lago promiscuo
sbarrato alla luce, un che di bozza.
Come fosse domani l’indizio
frugo gli specchi, i corpi assenti
ancora succhiano sostanza
da buchi neri. Li tocco invisibili,
si rompono in una matrioska
ch’è meglio lasciare composta
come un fatto privato
cupezza in gola. Sparpagliare
la propria natura, ch’è meglio. 

poesia pubblicata nell'ebook antologico "Alda nel cuore 2021" Aa.Vv.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento