username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

18 marzo 2011 alle ore 21:02

Ho inventato te

Ti ho inventato
mentre morivo a gocce
senza comprendere
se lo spazio aperto
nel mio cervello
fosse dubbio
oppure follia
ritardo o anticipo

Già il viso era statua
splendente di distacco
nel nero abbraccio della chioma
e compagni segreti portavo
tutti lì in mente stretti
al servizio del ricordo

Ti ho inventato
per tornare indietro:
la mia assenza
come mandorla velenosa
mi bruciava la bocca
Ho desiderato un mito
da attaccare al seno
per non vietarmi di fiorire
per non sprecare
quel grappolo di luce

Ho inventato te
come si crea
da poche briciole d’amore
l’ultimo capolavoro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento