username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

02 marzo 2010

Pioggia che inebria

L’acqua si versa in incenso
profumo denso… magica  pioggia
si appresta a suonare acute note…
e i sensi s’elevano a farne cori.

 

E’ voce suadente
nel rovescio su ciottoli
e tegole e gronde.

 

Sui vetri opalescenti
un ticchettio dai colori forti
e non le si resiste…
Si assapora in un bacio
si coglie come nettare dal cielo
in stille di fluida primavera.
Solletica un riso malizioso
nel gioco di Dafni e di Cloe…
è apoteosi che sale
mentre incalza il ritmo di gocce
battenti sui fiati in rincorsa…

 

E dal camino il fuoco
sparso in fiamme rubino
compare appena, poi desiste
timido riflesso di tale cupidigia…
è luce scarna alla vista
tiepido ormai, e vano.

 

Non mi abbraccia di ardore
… e  più non mi accende faville.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento