username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

08 marzo 2018 alle ore 19:39

Pressappoco una fuga

Erano carte e inchiostri
mesi strappati al calendario
quei messaggi in serie 
-cosa farai di me
del mio covo di nervi 
delirio inappagabile

-Strega perenne
preparami altre pozioni 
di mandragora
che la vista raddoppi
quando passi tu
perfino il tuo nome 
tanto piccolo
diventi un suono da salire;
la tromba delle scale
fino al terrazzo dei fiori inebrianti 

Lì sparisce il mondo
gelosamente mi ripari
stringendomi la vita
in un seme letargico

tutto un inverno, 
tutto può cambiare
Dal tuo respiro nasco
mattino di un convolvolo

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento