username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

16 maggio alle ore 17:01

Special

Sai
ho subito saputo
a chi dare in custodia le parole
I libri... ah il mio piccolo volume
messo in un posto lontano dalle insidie
-non voglio tanto penetrarti nel pensiero
non credere sia eterea
questa simbiosi apparente con il nulla
Ma dovrai passare da quella pagina
diversa -e temo e so-
con la mia bocca che ti osserva
ti recita tre distici
e chiude con l’enigma
“raggiungere i tuoi riccioli”
come faccio?

Ora
sto qui, vedo la mano muovere le corde
la mano uguale alle mie corde
Non ho fermato il gesto sulla lingua
dire -non voglio maschere e tu sei
a spogliare l’anima

e amica è anche amante,
segreta: nel silenzio fugge-

Sai, ho imparato
dalla tua voce a dondolo
che esiste una musica
dopo le note
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento