username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

25 ottobre 2018 alle ore 20:01

T'aspetta il sole come un cucciolo

Sta in aria di miceli
settica lontananza
di entelechia sgranata 
-e non sgomento-
per occhi penzolanti
dov’è la noia che serra il cubito 
a bava di lumaca
e non misura, non contempla
nemmeno tende a luce 
ma fermo intorno all’anima
evade in mille cose che non è.

Distale al sangue in stato 
prono, cianosi blu alle nebbie 
ritrae la presa all’alito
di primavera. Assente ai fiori,
che mai si è vista linfa costipata
così da far radice
priva dell’urlo a gemma, di un odore
per il ritorno a spezia.

Quand’è che esci da te stesso,
caveau di vene? 
T’aspetta il sole come un cucciolo 
che apre le fauci
d’acredine a rugiada.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento