username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Silvana Poccioni

in archivio dal 23 apr 2007

29 agosto 1949, Rocchetta A Volturno (is)

segni particolari:
Maniacale convinzione che la memoria sia il bene più prezioso che l'uomo possiede.

mi descrivo così:
Sono nata nella Centrale ENEL di Rocchetta a Volturno e vivo dal1983 ad Agnone, in Molise. Ho pubblicato nel 2002 il mio primo volume "In fondo al mattino" per le Edizioni Eva, nel 2008 "Quare id faciam", per la collana "La stanza del poeta", a cura di G.Napolitano e il

25 aprile 2014 alle ore 18:06

Non so più cantare i giorni

Non so più cantare i giorni.

Distratto dal silenzio

un rampicante antico ruba la mia luce

e la notte si lega ad ogni orario.

Per la vastità del vuoto

ammaina la vela anche la più piccola barca

e le nubi intrecciano ombre

sulla solitudine del fiume.

Oh, quanto lontano il tempo

in cui scrivevo lettere di fumo

e mi baciava gli occhi l’autunno

taciturno e grondante

come l’albero dopo la tempesta!

Ancora ti vedo 

ma distante

come dalla collina un campo

il cielo da un naviglio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento