username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Silvana Poccioni

in archivio dal 23 apr 2007

29 agosto 1949, Rocchetta A Volturno (is)

segni particolari:
Maniacale convinzione che la memoria sia il bene più prezioso che l'uomo possiede.

mi descrivo così:
Sono nata nella Centrale ENEL di Rocchetta a Volturno e vivo dal1983 ad Agnone, in Molise. Ho pubblicato nel 2002 il mio primo volume "In fondo al mattino" per le Edizioni Eva, nel 2008 "Quare id faciam", per la collana "La stanza del poeta", a cura di G.Napolitano e il

14 gennaio 2010

Attrazione fatale

Intro: La passione, la voglia di possederla travolgono quest'uomo che a stento riesce a trattenersi. La tentazione è troppo forte e l'uomo finisce per cedervi.

Il racconto

Lei se ne stava lì, sul tappeto dinanzi al caminetto acceso, immobile in tutta la sua bellezza, mentre la fiamma guizzante l’avvolgeva a tratti con i suoi caldi riflessi.
Dalla poltrona di fronte lui la guardava ammaliato, bloccato nei movimenti dall’intensità del desiderio che lo teneva inchiodato allo schienale, incapace di staccare lo sguardo dal disegno perfetto del suo corpo e nello stesso tempo attratto, calamitato, del tutto alienato rispetto a qualsiasi altro interesse.
La distanza da lei non gli impediva di avvertirne il profumo: note di albicocche, di mango, di arancia, ma anche di nespole, datteri, crema di pistacchi e vaniglia.
Sentiva sulle labbra il sapore del suo bacio, sapeva che se avesse soltanto accostato le labbra alla sua bocca, una dolcezza smisurata e coinvolgente si sarebbe impossessato di tutto il suo essere… e sarebbe stato perduto.
Avvertiva nelle mani un formicolio che si espandeva dal centro del palmo alla punta delle dita e lo costringeva a stringere forte i braccioli per impedire al proprio corpo, fiaccato dalla passione, ma carico di desiderio insoddisfatto, di alzarsi e gettarsi su di lei senza più remore né contegno.
Non riusciva a distogliere gli occhi dal suo collo sottile e slanciato, da quell’onda d’oro brillante. La tentazione irresistibile di affondarvi il viso, di sentire sulle mucose asciutte del palato la sua fresca carezza, rigenerante, appagante, gli contraeva i muscoli dello stomaco.
Capì di essere sull’orlo di un vero e proprio raptus: come una pentola a pressione senza valvole di sfogo, la sua mente, con l’aumento progressivo ed incessante delle emozioni, sarebbe esplosa.
E allora ci sarebbe stata la liberazione e con essa lo sfogo violento, incontrollato ed irrazionale delle emozioni e delle frustrazioni represse. Avrebbe inveito, rovesciato il tavolo, lanciato oggetti, avrebbe distrutto, forse ucciso.
Tutto ciò non poteva, non doveva accadere. In fondo, l’ascesi, la mortificazione della carne, la rinuncia, i supplizi e le auto flagellazioni erano argomenti che riguardavano i santi e i martiri, non i miseri mortali come lui! Non aspirava alla gloria né dei cieli né del mondo, ma solo a soddisfare quel desiderio che gli stava prosciugando la carne.
Ormai convinto sul da farsi, si alzò lentamente dalla poltrona, le labbra distese in un dolce sorriso, e si accostò al caminetto, dove lei continuava a starsene immobile al solito posto sul tappeto, pronta a concedersi senza opporre resistenza.
Si accovacciò accanto a lei, senza parlare, ne sfiorò delicatamente il corpo levigato con le dita, senza fretta, per prolungare ancora un po’ l’attesa e rendere più intenso il momento della raggiunta soddisfazione.
Poi la strinse con tutta la forza del desiderio, la stappò con un colpo deciso, la portò alle labbra e ne tracannò il contenuto a grandi sorsi, svuotandola in men che non si dica, fino all’ultima goccia.

 

Note
Scritto per l'incontro eno-culturale "Versi di-vini Vini di-versi"
MOSCATO DI NOTO

Il Musico Color giallo oro brillante con note di albicocche , mango, buccia di arancia, nespole, datteri, crema di pistacchi e vaniglia. Marmellate di agrumi. L'aspetto fruttato è fuso con aromi di tea, fiori di mimosa e zagara, zenzero, sesamo. Un insieme che ricorda tutto il profumo della pasticceria siciliana. La dolcezza si impone con grazia sulle componenti acide e alcoliche. 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento