username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stephen King

in archivio dal 26 feb 2007

21 settembre 1947, Portland, Oregon - Stati Uniti

segni particolari:
Negli anni dal 1974 al 1977 ho pubblicato Le notti di Salem e Shining, con cui mi sono affermato definitivamente presso il grande pubblico.

mi descrivo così:
Sono uno scrittore statunitense, probabilmente il più famoso autore di romanzi horror.

05 novembre 2012 alle ore 8:11

L'ombra dello scorpione

di Stephen King

editore: Bompiani

pagine: 136

prezzo: 11,82 €

Acquista `L'ombra dello scorpione`!Acquista!

Cosa manca in questo libro?Assolutamente niente. Dopo anni di oblio dalla lettura dei racconti di Stephen King, divorati alle medie e superiori, questo simpatico "mattone" mi incuriosiva. L'avevo comprato anni fa e tenuto da parte sulla mia libreria per una buona occasione. Ho dovuto togliere ragnatele e polvere, ma ne è valsa la pena.
La storia era stata già pubblicata nel 1978, io ho quella stampata nel 1988, edizione integrale.
Hanno pure girato una serie televisiva in quattro puntate che fortunatamente non ho visto.
Leggerlo sarebbe stato quindi tutta una scoperta. Mi incuriosiva la copertina con lo scorpione rosso (l'edizione che ho io) e questa malattia, Captain Trips che poteva sterminare l'umanità. Proprio come un tempo, una volta iniziato a leggerlo è partito il "mio" film nella mia testa.
Ero uno spettatore onnipresente e invisibile delle vicende dei personaggi, tifavo per i buoni e vedevo che gli capitava sempre qualcosa di peggio, ero con i cattivi e sapevo che erano più furbi e quasi sempre un passo avanti.
La gente nel libro aveva il raffreddore, io avevo lo stesso nella vita reale. Così il simpatico "mattone" mi è scivolato, pagina dopo pagina, sotto gli occhi.
Se vi interessano quindi storie post-apocalittiche, scontri tra il Bene e il Male senza esclusione di colpi, personaggi di cui avrete nostalgia alla fine del libro, questo non vi deluderà. Buona lettura.

recensione di Stefano Bergamasco

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento