username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sylvia Plath

in archivio dal 21 mag 2018

27 ottobre 1932, Boston - Stati Uniti

11 novembre 1963, Londra - Inghilterra

segni particolari:
Sono stata una poetessa e scrittrice statunitense, ho vissuto la vita sempre intensamente sino ad ammalarmi per amore cadendo nella depressione, per poi suicidarmi. La Rai nel 1980 ha prodotto un film per la tv sulla mia vita, mentre nel 2003 è uscito il film Sylvia che racconta la mia storia d’amore con il poeta inglese Ted Hughes.

mi descrivo così:
Sono diventata famosa per le mie poesie, anche se uno dei miei libri più famosi è il romanzo semi-autobiografico "La campana di vetro" scritto sotto lo pseudonimo di Victoria Lucas.

21 maggio 2018 alle ore 17:55

Diari

di Sylvia Plath

editore: Adelphi

pagine: 433

prezzo: 11.90 €

Acquista `Diari`!Acquista!

Quando si comincia a leggere questi Diari, si ha l’impressione di seguire le febbrili annotazioni di una bella ragazza americana che scopre l’Europa, con i calzini bianchi e un boyfriend al seguito. Tutto vibra, tutto sprizza energia, c’è un senso di attesa che si impone su tutto. Ma presto ci accorgiamo che le cose non stanno esattamente così. O meglio: non soltanto così. Troppo preciso è il segno delle parole, troppo snebbiato lo sguardo, troppo inquietante lo sfondo psichico che si intravede. Così ci immergiamo in una lettura sempre più appassionante e talvolta angosciosa: il giornale di bordo di una sensibilità acutissima, lacerata e drammatica, quella di una scrittrice che, per i suoi versi e per il suo tragico destino, è presto diventata, nei nostri anni, un magnete e un emblema per molti lettori – ovvero anche, come si dice con inconsapevole esattezza, un «culto».
Questo volume raccoglie parte dei diari che la Plath scrisse tra il 1950 e il 1962, e che furono pubblicati per la prima volta nel 1982. Si entra completamente dentro la vita di questa grande donna che combatté una battaglia prepotente con la vita, fino alla resa. Si legge dell’incomprensione e dell’incertezza degli affetti: "Perché mi turba tanto quel che gli altri danno per scontato e che li rallegra? Perché sono così ossessionata, perché odio a tal punto quello in cui sto per essere così inesorabilmente trascinata? Perché, invece di andare a letto nella carezzevole oscurità erotica sorridendo languidamente tra me nella notte, dire ‘Un giorno, se seguirò la via giusta, sarò fisicamente e mentalmente appagata…? Perché più tardi rimango seduta a far raffreddare il fuoco fisico e a sferzare la mente verso pensieri freddi e calcolatori? Non amo; non amo nessuno all’infuori di me stessa. Questa sì che è una cosa sconvolgente da ammettere. Non ho niente dell’amore altruistico di mia madre. Non ho niente dell’amore assennato, realistico…Per dirla in parole povere e franche, io voglio bene solo a me stessa, al mio gracile essere con i suoi piccoli seni inadeguati e le sue scarse, limitate attitudini. Sono capace di provare affetto solo per chi riflette il mio stesso mondo. Non ho idea di quanto ci sia di sincero ed autentico nella mia sollecitudine verso altri esseri umani e di quanto non sia altro che una falsa mano di vernice imposta dalla società. Ho paura di affrontare me stessa. Stanotte sto tentando di farlo. Mi auguro di cuore che ci sia qualche sapere assoluto, qualcuno su cui contare affinché mi valuti e mi dica la verità".

Un libro consigliato per gli amanti della poetessa, che ti entra dentro e a distanza di ore, giorni ti riporta ancora li a riflettere sulle parole di questa indimenticabile donna.
 

recensione di Gino Centofante

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento