username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Thomas Dylan

in archivio dal 30 apr 2007

27 ottobre 1814, Swansea, Galles

09 novembre 1953, New York - Stati Uniti

segni particolari:
Bob Dylan scelse il suo pseudonimo ispirandosi a me. Lo stesso ha fatto lo scrittore e sceneggiatore Tiziano Sclavi per dare il nome al suo celebre personaggio dei fumetti Dylan Dog.

mi descrivo così:
Poeta gallese. Scrissi poesie, saggi, epistole, sceneggiature, racconti autobiografici e un dramma teatrale dal titolo "Sotto il bosco di latte" (Under milk wood) la cui versione radiofonica, in cui recitavo io stesso, vinse il "Prix Italia" nel 1954.

30 aprile 2007

Dove un tempo le acque del tuo viso

Dove un tempo le acque del tuo viso
Giravano alle mie eliche, l'arido tuo fantasma soffia,
Il morto volge al cielo il proprio occhio;
Dove un tempo i tritoni attraverso il tuo ghiaccio
Spingevano fuori i capelli, l'arido vento fa rotta
Attraverso radici e sale e uova di pesce.

Dove un tempo i tuoi nodi verdastri la loro giuntura affondava
Nel cordame ricolmo di marce, laggiù procede
Colui che verde districa.
Le sue forbici oliate, libero il suo, coltello pende
Per tagliare i canali alla sorgente,
Per adagiare in basso umidi frutti.

Le tue regolari maree rese invisibili
Rompon sui letti amorosi dell'alghe,
L'erba d'amore è lasciata a disseccarsi;
Qui vorticanti attorno alle tue pietre
Corrono ombre di fanciulli che, dai loro vuoti,
Si lamentano al mare delfinoso.

Aridi come tomba i colorati opercoli
Richiusi non saranno mentre una magia
Scivola saggia sulla terra e il cielo;
Vi saranno coralli nei tuoi letti,
Vi saranno serpenti alle maree,
Finchè tutte le nostre fedi marine morranno.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento