username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Tiziano Ardiccioni

in archivio dal 04 mar 2013

24 aprile 1972, Roma - Italia

segni particolari:
Sono del segno del Toro, chiedere a chi mi conosce.

mi descrivo così:
Prima la famiglia. Adoro mia moglie e i miei figli. Ho tanti amici e nonostante la crisi nera nel lavoro, ogni giorno godo di essere al mondo.

20 ottobre 2015 alle ore 15:47

Due passi

Il racconto

"Vado a fare due passi"
Capita di usare quest'espressione per indicare la volontà di fare una passeggiata, breve o lunga che sia; ma accade sempre meno frequentemente.
La fretta e i mille impegni della vita quotidiana, veri o presunti, impongono delle rigide tabelle di marcia che ci privano di quello che in teoria dovrebbe essere il tempo libero dedicato alla spensieratezza, oggi purtroppo si tende a voler riempire qualsiasi spazio libero con "Qualcosa da fare". Già, perché è impensabile non aver nulla da fare. Lavoro, faccende domestiche, riunioni, inviti, scuola, sport e poi il cellulare e il computer, i social e ancora il cellulare, i videogiochi e gli aperitivi con gli amici, le uscite in compagnia e gli immancabili hobby e il proprio io che trionfa.
Più o meno siamo tutti egoisti ed egocentrici ed è impensabile fare qualcosa se non se ne ha un immediato tornaconto personale. Non mi dilungo oltre, il discorso è troppo complesso ed articolato e in fondo ognuno è libero di occupare il proprio tempo come meglio crede e preferisce, sempre però nel rispetto del prossimo.
Dunque dicevo: vado a fare due passi.
Il cielo grigio minaccia pioggia e forse sarebbe meglio non uscire di casa, in fondo non l'ha prescritto il dottore di dover camminare. Ma due passi dove? Sì, perché oggi si tende a programmare tutto, anche la passeggiata all'aria aperta deve avere un percorso prestabilito in modo da calcolare tempi e incontri. "Uffa" Sbuffo come un bambino, oggi ho un paio d'ore libere, non voglio programmare un accidente; esco e mi metto a camminare senza una meta precisa, senza un orario di rientro prefissato.
Che strana sensazione, cammino per le strade della mia cittadina che è circondata dalla campagna ben tenuta dai contadini e il mio olfatto percepisce strani profumi, un misto di terra e asfalto, foglie bagnate e scarichi di auto e intento a distinguere questi odori mi ritrovo in una via secondaria e i miei occhi scorgono un giardino ben curato cui non avevo mai fatto caso. Eppure non è la prima volta che passo di lì, poi mi dico che anche io faccio parte della massa di automi che si muove su binari e percorsi ben definiti e tutto ciò che mi circonda spesso mi sfugge. Incuriosito mi fermo ad osservare quel giardino: ben curato, con vari tipi di piante e cespugli, rocce disposte a creare uno stagno artificiale e in un angolo l'immancabile focolare testimone di grigliate in compagnia. Senza rendermene conto mi sono appoggiato al recinto per osservare meglio e subito mi accorgo che qualcuno mi fissa, dalla finestra della casa una signora, presumo la padrona, mi lancia occhiate velenose; immediatamente mi sgancio dal recinto e senza fretta me ne vado per la mia strada.
Poverina, penso, devo averla fatta spaventare, con tutto quello che si sente al giorno d'oggi mi avrà scambiato per un ladro, o per un guardone o forse più semplicemente le dava fastidio che qualcuno stesse curiosando nella sua proprietà.
Non fa nulla, ho la coscienza a posto, se mai dovessi ripercorrere quella strada eviterò di guardare da quella parte.
Camminare senza meta ha dei vantaggi, si può decidere all'ultimo istante se imboccare la via di destra o di sinistra, se passare sotto il porticato della palazzina o in mezzo ai giardinetti e non avere l'assillo dell'orologio e una goduria, per precauzione non ho neppure portato con me il cellulare: libero!
Qualcosa mi dice però che la mia espressione di libertà sia vista dagli altri come un segno di squilibrio, incrocio un signore anziano e lo saluto garbatamente ma lui per tutta risposta grugnisce qualcosa e si gira dall'altra parte, avrà avuto i suoi pensieri Nel frattempo ho raggiunto un viottolo stretto e poco illuminato che attraversa una zona vecchia e mentre cammino a passo normale vedo una signora dal bel portamento camminare in direzione opposta alla mia dal mio lato di strada. Sorrido, non sono un malintenzionato e quando è a pochi metri da me mi appresto a farle un gesto di saluto, ma lei improvvisamente accellera il passo, stringendo forte a se la borsa, abbassa la testa e scarta decisa dall'altro lato della strada. Rallento il passo e mi giro a  guardarla e lei quasi si mette a correre, spaventata solo dalla mia presenza e io ci resto male e le gambe si irrigidiscono. Dopo alcuni istanti mi impongo di riprendere a camminare e pur a fatica mi avvio verso la mia meta, torno a casa, non ho più voglia di fare due passi. Rimuovo dalla mia mente quegli episodi e mi godo l'ultimo tratto di strada fischiettando con il sorriso stampato in faccia.
Ad attendermi visibilmente in ansia c'è la mia famiglia, mia moglie, i miei figli; sono stato via per circa un paio d'ore, ma quando sono uscito loro non c'erano e quindi nessuno sapeva dove io fossi. Il fatto che poi avessi lasciato a casa il cellulare destava ancor più preoccupazione. Amo mia moglie e i miei figli , sopra ogni altra cosa.
"Dove sei stato amore? Eravamo preoccupati"
Appunto, dove sono stato? Cosa ho fatto? Sono stato a zonzo e non ho fatto nulla, solo camminato per il piacere di farlo e il pensiero di quell'attimo di libertà mi riempie l'animo; sorrido, ancora.
"A fare due passi tesoro, solo a fare due passi"
Mi guarda e sorride anche lei, ha capito il mio stato d'animo, ha sentito la mia gioia.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento