username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Viola Corallo

in archivio dal 21 giu 2017

24 gennaio 1990, Ferrara - Italia

08 agosto 2017 alle ore 16:46

Respiro profondamente.

Il racconto

Il riposo non è inutilità, sedersi talvolta sull'erba
In una giornata estiva ascoltando il mormorio dell'acqua,
O guardando le nuvole che galleggiano attraverso il cielo,
È forse un spreco di tempo?
 
Le piccole perline di condensa sul piatto d'argento della torta gelato.
I segni incisi su cosce nude dalle sedie di vimini all'aperto.
Il metronomo sonnolento che vortica dal ventilatore a soffitto e la frescura del condizionatore.
I raggi del sole che sembrano fiamme appena coperte dalle tende che rende il brillare di arancione in un breve secondo prima di rilasciarlo alla notte.
Il cane pigro dorme con la testa in grembo.
Le felci del portico.
Ie ortensie blu.
L'odore di mais fresco sulla griglia.
La sensazione di una notte ancora calda.
Lo schiaffo della vecchia porta schermata.
Sabbia.
Rose.
Anguria.
Estate.

È una tale ironia che l'ora in cui celebriamo l'arrivo dell'estate è l'ora in cui iniziano il viaggio in inverno. I giorni si limitano da qui. A un tratto, questi pomeriggi estivi così amati hanno i loro secondi baciati dal sole, rasati dal tempo, ognuno crescendo più brevemente, infinitesimilmente, appena notato, finché non solleviamo i nostri volti a un cambiamento del vento e un incantesimo che trasforma l'acero Verdi a ruggine e margherita gialle all'oro. Di tutte le stagioni, l'estate sembra effimera. Come le meravigliose memorie di spiaggia che facciamo in questo momento, i bordi di ogni giorno d'estate si sente morbidamente sfocata, come le vecchie fotografie così tante di loro sono destinate a diventare.
Quindi chiudo gli occhi. Respiro profondamente.
E amore ogni giorno d'estate.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento