username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Walter Degrassi

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Walter Degrassi

  • 04 settembre 2012 alle ore 0:12
    L' ultima alba

    L' ultima alba
    un soffio che ci porta via,
    domani è già oggi
    oggi è già tardi
    e noi siamo ieri
    solo ieri
    le foglie grigie dell'estate di ieri
    finita oggi
    adesso
    per sempre.

    Piove
    ed è giusto
    piove addosso
    ed è per noi
    piove ma piano
    come ogni alba dove ha fine qualcosa,
    il cielo piange le lacrime
    che ti amo troppo per poterti mostrare,
    mi strappi brividi
    che sembrano freddo
    e ti prendo per mano.

    Mi prendi per mano
    lascia che adesso resti ancora ieri
    lascia che adesso non sappia di domani
    prima che oggi ce lo porti via
    domani niente tracce di noi
    solo un attimo
    addormentati,
    dormimi in grembo
    lasciati cullare amore
    nel mare del sonno
    nel groppo delle nostre mani
    domani niente tracce di noi

    Perdonami
    se ti tengo ancora un attimo
    un attimo nostro dove tu sei mia.
     

  • 14 aprile 2012 alle ore 20:51
    Orfano (dei tuoi giorni)

    Figlio di quel mattino 
    in cui amai il tuo primo sguardo,
    figlio di quella notte
    in cui ti vidi
    bella
    ardere nel fumo
    alla luna, 
    ora chè più in là 
    a piccoli passi la vita ti adagia 
    orfano dei tuoi sguardi
    orfano dei tuoi giorni
    del tuo splendore incantato 
    musa per mille anni
    mi lasci a cantarti.

  • 07 aprile 2012 alle ore 18:03
    Esci

    Esci
    non importa quanto è tardi
    incontriamoci
    non badare al vestito
    corro a prenderti
    ho voglia di vederti
    non chiedermi la meta
    ti prometto solo
    che torneremo vivi

    Esci
    non importa dove andremo
    ho voglia che mi parli
    magari sarà un posto
    nascosto
    per cospirare
    respirare
    l' aria di quelli che non dormono mai

    Esci
    non importa domani
    ho voglia di sentirti adesso
    e parlarci ancora
    fino a crollarci addosso
    finché l'alba ci consegnerà
    al nostro primo caffé.

  • 01 aprile 2012 alle ore 21:15
    Sarà una lunga notte

    Sarà una lunga notte ragazzi...
    e visto che non conoscete
    quanto al largo finirà
    tirate fuori i vostri sogni migliori,
    visto che non sapete
    quanto a fondo porterà
    aggrappatevi forte ai vostri sogni migliori,
    nuovi o vecchi tirateli  a lucido.

    Visto che non avete
    altro posto dove andare
    portateli con voi finché dura il viaggio
    teneteli con voi finché dura il buio,
    nessuno sa cosa vi aspetta
    dietro la curva di domani
    nessuno sa cosa si nasconde
    nel sorriso dello sconosciuto

    Portate alti i vostri sogni migliori,
    che si vedano da lontano
    come fari per chi si è perso
    e fate che vi scaldino
    quando la notte è più fredda,
    perché è allora
    che l'alba sarà più vicina.

  • 08 novembre 2011 alle ore 18:03
    Resta (Perfetta)

    Perfetta
    mai un dubbio
    mai un rimorso

    Mi hai preso l'anima:
    guarda se vola...
    mi hai vinto il cuore:
    stringilo
    schiaccialo
    vedi se sanguina.

    Sei passata oltre la corazza
    e hai stoccato
    la tua lama precisa 
    ancora mi rigira dentro
    le fiamme eterne.

    Avevi la chiave
    ti sei chiusa fuori:
    lasciami uscire
    lasciati entrare
    lasciati andare
    nel mondo che ho
    è l'unico
    è tuo.

  • 01 novembre 2011 alle ore 22:25
    Salperei

    Salperei stanotte
    se un porto sicuro ci fosse
    troverei velieri veloci per noi
    corsari delusi
    ma non ancora vinti,
    partirei stanotte
    se in mezzo alle stelle trovassi
    i tuoi occhi a guidarmi nel buio.

    Vele spiegate
    il mio veliero avanza
    spedito fra flutti e futuro
    ma la rotta che seguo non è scritta
    navigo a vista cavalcando onde

    follia a poppa e prua
    la tempesta infuria
    cuori spezzati si infrangono
    lungo la mia chiglia
    e le scialuppe sono già lontane.

    Con la testa al timone
    e il cuore di vedetta
    alte le mie insegne al vento
    e mai una bandiera bianca.

  • 09 ottobre 2011 alle ore 22:24
    Indignata

    Che farai adesso? 
    Di soppiatto busso alla tua porta
    sono l'amante scomoda
    che hai avuto troppa fretta
    di lasciare
    sono la strada ripida
    che non hai mai avuto fretta
    di percorrere

    Entro ed esco
    ho mille volti
    mille modi per mostrarmi
    mille voci per gridarti
    che il tuo tempo muore qui.

    Hai fatto il tuo tempo
    avuto il tuo regno
    raggiunto il tuo scopo.

    Una spinta e tu cadrai
    solo un colpo e sparirai
    solo un bacio ti dirà
    che il mio nome è
    Libertà

  • 11 settembre 2011 alle ore 18:57
    Quasi uomo

    Sono l'uomo che sono
    forse neanche uomo intero
    si striscia sempre un pò a metà
    verso la verità
    e quando credi di camminare
    di essere a un passo dal volare
    dov' erano passi trovi ancora squame
    dov' era oro solo letame.

    Sono l' uomo che sono
    forse neanche uomo ancora
    non l' uomo che ero
    non l' uomo che sarei
    ogni scaglia un errore da scontare
    avanzando
    ogni sbaglio una duna da passare
    strisciando

    e voi... attenti alla mezza umanità
    di un uomo a metà

  • 28 agosto 2011 alle ore 11:28
    Conchiglia

    Il cuore ora è vuoto
    come una conchiglia lontana dal mare
    e non osare dirmi di riempirlo
    dirmi come e perchè
    quando io solo so chi.

    Il mare mi è stato davanti
    terribile come un naufragio
    dolce come un approdo
    e l'ho cambiato con una palude.

    Il cielo salvi i marinai perduti
    dall'acqua del loro destino.

  • 20 luglio 2011 alle ore 19:03
    Ghiaccio e fuoco

    Siamo ghiaccio e fuoco
    è questo che non va
    fra mani di fuoco
    un cuore di ghiaccio
    si scioglierà

    Puoi scaldarti ma quanto vicina?
    quanto resiste la brina?
    Posso scaldarti 
    ma quanto distante
    devo restarti?

    Gioco col ghiaccio
    giochi col fuoco
    vicino ti schiaccio
    lontano per poco

    rimarrò solo
    con l' acqua gelata
    fra dita di fuoco.

  • 18 luglio 2011 alle ore 19:07
    Luoghi troppo comuni

    "Devi far splendere quello che hai imparato"
    Sono stato un faro ma non è bastato.

    "Devi lasciare la tua luce brillare"
    Io l'ho fatto e non l'ho vista tornare.

    "Devi batterti senza mollare"
    fino al gong che non ti fa rialzare.

    "Per sempre"
    Me lo son sentito ripetere da così tanta gente...

    "Questa notte finirà"
    Ma aspetto il giorno in cui qualcosa cambierà.

    "La verità vi renderà liberi"
    E davvero liberandomi
    li fa scappare mandandomi agli inferi.

    "Occhi innamorati non mentono mai"
    Mentono amore e mettono nei guai.

    "Chi sa non insegna e chi insegna non sa"
    Io non so e non insegno
    ed è l' unica verità.

  • 15 luglio 2011 alle ore 21:52
    Ancora la vita

    Ancora la vita
    gli ormeggi le pietre
    la gente che sciama lungo il tramonto
    le scaglie di luce riflessa sull'acqua
    come ogni volta
    come stavolta
    come chiunque
    e uguale a nessuno

    Ogni passo ti pesa
    ogni passo ha un respiro
    ogni passo una spina
    ogni passo una svolta
    ogni passo una scelta
    di andare ancora
    incontro alla vita .

  • 05 luglio 2011 alle ore 19:49
    Heaven

    Ali ai tuoi fianchi e Paradiso il Tuo nome 
    e venga il Tuo Regno su di me.
    E le schiere dei Tuoi angeli e le stelle nel Tuo cielo
    conto dentro i Tuoi regni radiosi. 
    Spalanca i cancelli e venga il Tuo Regno 
    venga scorrendo su di me. 

    Paradiso di spirito e carne divina,
    urlo nel vento ed ululo al buio
    i numeri delle Tue grazie 
    nell’attesa della Tua venuta.  
    Spalanca i cancelli e venga li Tuo Regno
    venga scorrendo su di me

    Paradiso in fiamme limbo dannato
    il Tuo Mar Rosso sia attraversato
    carovane pellegrine i miei desideri 
    compiaci le mie preghiere.  
    Spalanca i cancelli e piova il Tuo Regno 
    scorra giungendo su di me 

    Nirvana in terra Valhalla d’amore
    in Te riposino i miei guerrieri
    scendano le Tue grazie su di me 
    sia reso onore alle Tue grazie dorate.

  • 05 luglio 2011 alle ore 19:34
    Passi

    Coraggio, respira
    un passo
    solo un passo
    solo un altro passo
    e poi un altro passo ancora
    fino a lasciati alle spalle la porta.

    E adesso continua
    un passo e un respiro
    un respiro e un passo
    e il fiato scandisce i respiri
    e il rumore di un piede dopo l'altro
    sul filo del tempo

    senza fissare l'abisso
    quello puoi sentirlo dentro
    senza guardarti indietro
    il passato non ti servirà
    senza guardare avanti
    il futuro non ti aspetterà
    adesso conta fare un altro passo
    e poi un altro ancora
    fino al passo che ti porterà
    lontano dai cattivi pensieri.

  • 24 giugno 2011 alle ore 18:06
    Cuori distratti

    A volte, donna sciagurata
    ti guardo e non so
    se è più quello che prendi
    o quello che mi lasci
    la gioia dei tuoi tratti stupendi
    o il rischio dei tuoi modi sfuggenti

    Più vorrei capirti
    meno ti capisco
    più vorrei guarirci
    e ti ferisco,
    vorrei lasciarti il sole fra le mani
    e stelle fra i capelli
    che splendano
    accanto ai tuoi occhi lucenti

    ma quello che sappiamo scambiarci
    sono solo
    cuori distratti. 

  • 24 giugno 2011 alle ore 17:54
    Come un cane da pioggia

    Segui le nuvole
    fallo in fretta
    ora che il vento sta cambiando

    Viaggia leggero
    e chiudi i tuoi pensieri
    fuori dalle favole
    non è una giornata per agnelli...

    Non possiamo sempre
    sceglierci il sole
    a volte neanche la strada
    ma un varco si
    lo possiamo scavare
    anche nei giorni di piombo

    E oggi la pioggia mi sta bene
    lampeggiando occhi
    color del tuono.

  • 29 maggio 2011 alle ore 8:36
    Naufrago (in un mare di fuoco)

    Navigare
    impetuoso senza meta
    su una zattera di carta 
    sospinto da un mare di fuoco. 

    Arde la vela
    arde il nocchiero 
    arde l' onda della stessa fiamma
    che giova all' arte
    ma non alla tua vita.

    ...povero giacomino
    in balìa di una silvia distratta...

    per lasciarti un giorno 
    naufrago disfatto su un'isola stanca
    preda della terra gretta. 

  • 16 maggio 2011 alle ore 22:32
    (Soffio d') Ali

    Un giorno qualcosa ti sfiorò la spalla
    ma tu non l'hai sentito.

    Come una rondine in tuffo
    ha lasciato un soffio sul tuo collo nudo
    perché potessi sentire
    quanto è bello vivere al vento.

    Del suo becco ti avrebbe nutrita
    per mille primavere
    e un dono d' ali ti avrebbe fatto
    per seguirlo in voli infiniti
    fino al soffice nido
    dove con ali ti avrebbe protetta
    alta sui tetti del mondo.

    Quel soffio ora ti lascia
    ai tuoi inverni e a venti
    che ti siano propizi 

  • 13 maggio 2011 alle ore 1:38
    Mia dolce musa

    Mia dolce musa dannata
    liberami dal tuo sguardo
    intenso e dolce
    furbo e indolente
    mi scruta l'anima fingendo di poltrire...

    Mia dolce musa dannata
    liberami dal fuoco
    che fai ardere in queste vene
    e mi brucia svelto come il tuo tabacco

    Mia dolce musa dannata 
    libermi dal tocco
    delle tue mani che non conosco
    e desidero come vino
    nella gola riarsa

    Mia dolce musa dannata
    sapresti liberarmi da tutto
    ma scegli la libertà
    di non liberarmi
    da te. 

  • 13 maggio 2011 alle ore 1:29
    Il sole stanotte

    Sono stanco di vagare al buio
    voglio il sole
    e lo voglio stanotte

    Alta la luna nel cielo
    ma ben altri i raggi che cerco
    cieche le stelle e gli altri astri

    Tutto arde

    Comete e folgori
    non bruciano
    dello stesso tepore dannato.

  • 13 maggio 2011 alle ore 1:23
    Ora dannata

    Venga anche quest' ora
    nel silenzio della notte
    sono pronto
    a bagnarla dentro il suo sorriso 

    Venga anche quest' ora
    nel buio della notte
    sono pronto
    salderò il conto in lacrime sonanti,
    moneta degli amanti
    padroni di un destino solo.

    Venga anche quest' ora
    nel folto della notte
    mi troverà qui
    a maledire l' ora e venerare il nome
    che mi hanno condannato all' amore.

    Venga anche quest' ora
    nel ventre della notte
    io non fuggirò
    marchiato ovunque da un sogno distante
    che non mi appartiene ma mi inchioda
    qui
    incatenato alle mie orbite madide
    per la mia dolce immensa
    musa dannata

  • 10 maggio 2011 alle ore 0:24
    Ridi

    Ridi
    ridi pure bella mia
    ridi pure del mio cuore fra le righe
    di pagine che so soltanto io
    che indovini e allora ridi
    se ciò che sprezzi non devi comprare!

    Ridi pure mia cara
    di ciò che non vuoi sapere
    il mio ignoto è un continente
    in cui ti potresti smarrire
    il tuo ignoto è terre selvagge dove sono già perduto
    dannato per il resto dei tempi
    venduto l' anima con uno sguardo
    verso un treno senza ritorno.

    Ridi mie belle labbra
    per ogni chiodo che affondi
    fra la mia carne e la croce
    che mi metti in mano ridendo
    ridendo io la porterò
    per averti guardata.

    Ridi mio bel fiore
    del profumo della tua corolla
    che mi ubriaca senza saziare
    mi innalza senza volare
    mi uccide senza morire.

    Ridi mio bel sogno
    troppo vero
    fra le braccia di un altro sogno
    troppo bello per essere
    il mio.

    E un sogno sarai ancora
    senza pace
    senza scampo
    in ogni mia ora
    dannata

  • 18 aprile 2011 alle ore 19:48
    La parte migliore

    La parte migliore del viaggio...
    posata la valigia
    rinfrescate le ossa
    un' occhiata alla carta
    scendere le scale
    e fuori dall' albergo
    tuffarsi pigramente curioso
    per mano al mio vecchio mondo
    bighellonando incontro
    a un mondo nuovo.

  • 18 aprile 2011 alle ore 19:45
    Casa

    Se ci fosse una casa per me
    vorrei fosse nel tuo cuore,
    non aprirei piu' finestre per cercarti.

    Se ci fosse del vento per me
    vorrei fosse il tuo respiro
    sul mio petto mentre giaci al mio fianco.

    Se ci fosse una strada per me
    vorrei portasse al tuo collo
    traversando le tue spalle come ponti.

    Se foglie dovessi toccare
    che i loro rami fossero dita
    delle tue mani da sentir tremare
    nelle mie
    sole e lontane.

  • 10 febbraio 2011 alle ore 0:42
    Tatuata

    Trattenendo il respiro
    vorticando la vita fra le labbra e la carne
    come l' ultimo tabacco nel braccio della morte

    rapida frenesia che lascia traccia
    di un patto a occhi semiaperti
    stretto non detto boccheggiando attesa
    come pesci nelle maglie del letto
    spasmodico climax nell' arco

    ed eccoci
    siamo
    tatuati