username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alexandrina Scoferta

in archivio dal 15 set 2013

Chisinau - Repubblica Moldava

segni particolari:
Non giudico, non offendo, non manco di rispetto. Non mi impongo e non impongo le mie idee, ma le difendo.

12 novembre 2015 alle ore 18:41

Ho peccato di sentirmi Italiana

Il racconto

Qualche volta ho peccato di sentirmi bella e me li sentivo davvero, addosso, gli sguardi. Che a fare silenzio sono bravi tutti, a camminare sui contorni rialzati dei marciapiedi, a sporgersi verso il lago e a bagnarsi a malapena il vestito nero. Ero lì, in piedi, vestita da sera e truccata, distratta dal rumore dell'acqua, altrove, ma consapevole. La gente passava e forse pensava che io fossi bella come un fiore che qualcuno coglierà o ha già colto, ed io ho peccato verso la mia solitudine, perché l'ho fatto per essere bella e le cose fatte per essere belli, rendono brutti. Qualche volta ho peccato di sentirmi Italiana, che i cieli lontani di una Moldavia fatta di ricordi, a dimenticarli, sono bravi tutti. Guardali tu dalla punta di un ciliegio preferito, e scambiali per piatti che servono nuvole fatte di zucchero filato e prova a non sentirti ladro ad aver rubato l'amore per la tua Patria e ad averlo dato alla lingua di un altro Stato. Oh, Italia, tu non pecchi se ti senti bella ed io, piccola formica affaticata, mi fermo un attimo a guardarti e mi sorprendo che è più dolce dello zucchero filato, più buono del tuo stesso vino, più onesto di un matto, il bene che ti voglio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento