Annamaria Vezio
  • Firenze (Italia)
  • 03/03/1955

Biografia

Autrice, Critica letteraria, Ambasciatore di Pace - Benemerito della Cultura- Premio alla Carriera Culturale - Correttrice Bozze, Recensionista e Responsabile Editoriale. Organizzatrice Concorsi ed Eventi Culturali. Presidente ProgettoFiaba "LaCasaDelleFiabe". Formazione Studi Umanistici (ampliati nei rami Psicologia/ Arteterapia/ Benessere Psicofisico e arti Figurative). Promuove "l'Arte per Gioia, Arte per Tutti".

Segni particolari

"Attento a ciò che desideri perché lo avrai" (detto berbero)... e che sia buono il tuo pensiero perché egli sarà la tua Manifestazione (detto mio).

Aforismi di Annamaria Vezio

30 su 351

Aneliamo incontrare un antico amore perché sappiamo ci ha conservati nel ricordo come eravamo, e ci vedrà sempre attraverso il filtro del ricordo: eternamente quel che eravamo insieme, allora, sempre.

Si passa tre quarti di vita a migliorare se stessi, per rendersi conto che l'originale di noi, era perfetto. AmVezio2018

Per ogni anima ferita cento demoni esultano mille angeli lacrimano, sia compassione ogni goccia di pioggia che anime ferite lambiscono, sono carezza di lacrime d'angeli.

Comunque sia stato il giorno, qualunque cosa ci ha donato, ci ha concesso quanto nell'anima poteva essere contenuto. Lo spazio ideale possiamo farlo solo noi...

Lì fuori, oltre i vetri, oltre me oltre voi, la notte si racconta coi suoi colori; nel buio si accende di festa e ci dimostra e insegna che buio luce colore festa, siamo noi, ogni qualvolta lo vogliamo, ogni qualvolta ne abbiamo coscienza. Noi Siamo

Poetare, concedere flusso all'anima, per non soccombere alla follia dell'uomo avido di guerra...

Le parole ascoltate con l'orecchio hanno note in dissonanza con i suoni ascoltati dal cuore. Il primo può confondere le vibrazioni il secondo riconosce ogni onda, e la discerne. Fidati sempre dell'ascolto del cuore, percepisce ogni impercettibile(…)

"Non è colpa tua, impara a perdonare quanto non hai potuto affrontare"

Chi è avvezzo a mettersi in gioco, chi nella propria vita ha ripreso a vivere dopo la distruzione della stessa, chi ha dovuto risorgere dalle ceneri di sé stesso e del proprio mondo, chi è morto ed è risorto, chi dalle sue macerie ha colto i pochi(…)

"Quando sai anticipare il bisogno di un altro, senza motivo alcuno, hai un grande dono: l'amore."